Cerca nel blog

...

martedì 24 luglio 2012

Killer oggi in tribunale. Si valuta pena morte

Stralunato, con la barba lunga, i capelli tinti di rosso, la casacca color granata e uno sguardo assente, a tratti perso nel vuoto. Non è più il terribile 'Joker', il nemico di Batman, ma un ragazzo frastornato, con le sue smorfie di dolore, che a tratti dondola la testa, quasi in lacrime, o sul punto di addormentarsi. Probabilmente sedato, non pronuncia una parola. Rispondono i suoi legali. "I nostri cuori sono con le vittime, con le loro famiglie", fa sapere in serata la famiglia del killer, aggiungendo che sarà al fianco di James."Sono con lui, è loro figlio", ha precisato l'avvocato degli Holmes, Lisa Damiani. James Holmes, il killer di Aurora, ha ascoltato in silenzio i capi d'accusa pronunciati dal giudice alla sua prima udienza preliminare, durata come previsto pochi minuti. Per la prima volta, i parenti delle vittime - presenti in aula e in una sala adiacente - e tutto il mondo hanno potuto vedere in faccia il ragazzo che con la sua impresa criminale ha sconvolto le loro vite e tutta l'America. Holmes è arrivato alle nove e mezza di mattina nell'aula del tribunale di Centennial dalla sua cella di sicurezza nella Arapahoe County Jail, attraverso un tunnel sotterraneo. Da quando, senza opporre resistenza, s'é consegnato agli agenti nei pressi della sua auto, fuori dal cinema della morte, il killer vive in perenne isolamento.Gli altri detenuti, da giorni, urlano slogan contro di lui promettendogli vendetta. Holmes rischia ovviamente la pena di morte, ma le accuse a suo carico verranno formalizzate solo lunedì prossimo, il 30 luglio. E il procuratore ha già fatto sapere che passeranno mesi prima che la pubblica accusa deciderà se chiedere nei suoi confronti la pena capitale. Anche il suo processo sarà una di quelle saghe che gli americani seguiranno con passione in tv, nei prossimi mesi ma non prima del prossimo anno, udienza dopo udienza. Anche se la fine sembra annunciata. Ma oggi, malgrado l'appello di Barack Obama a porre l'attenzione più sulle vittime che sul killer, la notizia è il suo volto, le sue espressioni, il modo in cui reagisce alle conseguenze della sua follia. Il 'mostro' non è più una foto sorridente di qualche anno fa, trasmessa ossessivamente su tutte le tv. Oggi finalmente prende corpo, si muove, invade con la sua mimica piena di paura le case di tutto il mondo.Schiere di psicologi criminali stanno analizzando fotogramma dopo fotogramma questa sua primissima apparizione. Quel che è certo è che questo ex studente modello è sembrato tragicamente umano. Spaurito, in alcuni momenti mostra di essere lucido, perfettamente consapevole di andare incontro alla morte. In altri momenti, invece, sembra in stato confusionale, socchiude gli occhi, inghiotte spesso, quasi piange o sviene. Come a volersi estraniare da questa specie di incubo. Alcuni esperti ipotizzano che in carcere gli sia stato somministrato qualche farmaco. La stessa procuratrice ammette di non sapere se sia così o meno. Forse è solo sopraffatto dalla stanchezza, dopo aver passato tre giorni in una stanzetta, sotto l'occhio vigile degli agenti 24 ore su 24. Certamente ha perso la baldanza del 'Joker', del genio del male che tre giorni fa, dopo mesi di preparazione dettagliatissima nella sua casa trasformata in una Santa Barbara, irruppe in un cinema e con un'azione da guerra uccise 12 persone e ne ferì 58 durante la 'prima' di 'Batman', il suo supereroe preferito.Quando è stato catturato, James aveva in corpo 100 mg del popolare antidolorifico Vicodin. Lo ha detto lui stesso agli agenti. Un nuovo dettaglio che conferma la sua maniacale passione per l'uomo pipistrello. Il Vicodin, infatti, è la stessa sostanza trovata nel corpo di Heath Ledger, l'attore morto per overdose di farmaci nel 2008, famoso per aver interpretato il Joker nel precedente film della saga di Batman. Tra gli effetti collaterali di questo analgesico, stati di euforia, paranoia e in alcuni casi allucinazioni. Intanto l'Università del Colorado ha ricevuto due pacchi sospetti ma non è chiaro al momento se siano legati al killer della strage del cinema di Aurora. Lo riporta in serata la stampa di Denver. La strage non sembra aver fermato gli americani, anzi. Batman ha registrato un vero e proprio record al box office Usa diventando il terzo esordio della storia del cinema.

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Lettori fissi.