Cerca nel blog

...

mercoledì 30 maggio 2012

AHAHAHA vuoi lasciare la tua FIDANZATA e non sai come REGALALE questo anello !!! ahahha

AUMENTO sulla benzina per 2 centesimi è "INNOPPORTUNA"


L'aumento delle accise sui carburanti, benzina e gasolio, deciso dal consiglio dei ministri, dovrebbe scattare immediatamente, dalla mezzanotte di oggi. Lo si apprende da fonti qualificate.Pur essendo necessario fornire un aiuto concreto ai cittadini colpiti dal terremoto, la decisione del Consiglio dei Ministri di aumentare le accise sulla benzina per 2 centesimi è "inopportuna". Lo afferma il Codacons in una nota, sottolineando che l'aggravio determinerà "una maggiore spesa, solo per i costi diretti di rifornimento, pari a 29 euro annui ad automobilista, facendo incassare allo Stato una cifra complessiva attorno ad 1 miliardo di euro all'anno". "Il rischio poi - prosegue il Codacons - è che l'aumento delle accise possa avere ripercussioni sui prezzi al dettaglio, con un effetto domino in tutti i settori legati ai carburanti. Lo Stato deve aiutare i cittadini colpiti dal sisma, ma in un momento di crisi come quello attuale, in cui i prezzi dei carburanti sono alle stelle, un aumento delle accise appare quanto mai inopportuno, controproducente e dannoso per gli italiani e per l'economia nazionale".CONSUMATORI, AUMENTO ACCISE DANNO PER ECONOMIA - "E' doveroso stanziare tutte le risorse necessarie per la ricostruzione e la ripresa in Emilia, ma non a costo di dare il colpo di grazia all'intera economia nazionale". Lo affermano Adusbef e Federconsumatori, commentando in una nota la decisione del governo di aumentare di 2 centesimi le accise sulla benzina. Il rialzo dei prezzi, che, secondo le associazioni, "già costa agli automobilisti ben 516 euro annui in più rispetto al 2011, agisce da potente moltiplicatore anche su tutti i prezzi di beni e servizi, a partire dai generi alimentari e dai beni di largo consumo che sono trasportati per oltre l'80% su gomma. Questo non potrà che avere effetti disastrosi sull'intera economia nazionale, già segnata da una profonda contrazione dei consumi". Per affrontare l'emergenza del terremoto in Emilia, i consumatori suggeriscono quindi "interventi più equi e strutturali", a partire da un allentamento del patto di stabilità e una maggiore tassazione sui grandi patrimoni.PASSERA A PETROLIERI, GIU'MARGINE PER COMPENSARE ACCISA - Il ministro dello Sviluppo economico Corrado Passera ha chiesto all'Unione Petrolifera di valutare l'opportunità di ridurre il prezzo industriale dei carburanti (al netto delle imposte) per contribuire a farsi carico dell'aumento dell'accisa deciso dal Governo per finanziare l'emergenza terremoto in Emilia-Romagna.DI PIETRO, AUMENTO BENZINA SOLITA SCELTA SPICCIA - Aumentare di due centesimi al litro le accise sulla benzina per aiutare le popolazioni dell'Emilia colpite dal terremoto "é la solita scelta spiccia di chi non si assume la responsabilità di andare ad incidere sugli sprechi, la solita tassazione a pioggia". Lo afferma il leader dell'Idv Antonio Di Pietro a commento del provvedimento del Consiglio dei ministri. "Noi non condividiamo la tassazione a pioggia" spiega Di Pietro nel corso di una conferenza stampa a Montecitorio - anche perché "la benzina la pagano tutti, anche i poveri disperati". E poi "sappiamo che ogni volta che si decide un aumento della benzina per le emergenze, questo non è mai un provvedimento temporaneo ma diventa eterno".BERSANI, AUMENTO BENZINA? SERVE SOLIDARIETA' - "Il governo deciderà dove intervenire ma davanti a queste disgrazie deve scattare un minimo di solidarietà nazionale altrimenti smarriamo il concetto di solidarietà civile". Così Pier Luigi Bersani risponde ai giornalisti sull'aumento delle accise della benzina per far fronte ai danni del sisma in Emilia.CGIL, CISL E UIL, NON CI PIACE AUMENTO ACCISE - Cgil, Cisl e Uil sono contrarie all'aumento delle accise sulla benzina per destinare risorse alle Province colpite dal terremoto. Secondo i segretari generali di Cgil e Cisl, Susanna Camusso e Raffaele Bonanni, e il segretario federale Uil, Domenico Proietti, sarebbe stato più utile cercare risorse nel recupero dell'evasione fiscale e nella riduzione degli sprechi.

FONTE ANSA

AHAHAHAH Scimpanze' accumula sassi per LANCIARLI ai turisti AHAHAHAAH

Santino e' tornato: lo scimpanze' dello zoo di Furuvik a Gavle, in Svezia, ha infatti ricominciato ad ammassare delle pietre in cumuli per poi lanciarle ai turisti il giorno dopo, uno dei primi casi conosciuti nel mondo animale di individui in grado di pianificare. Da 3 anni a questa parte, lo scimpanze' e' al centro di una controversia scientifica. Ora nuovo studio pubblicato sulla rivista PLoS ONE analizza il suo comportamento per scoprirne le cause. Santino e' salito agli onori della cronaca scientifica quanto ha cominciato ad raccogliere con molta calma delle pile ordinate di sassi a portata di mano. La mattina successiva, usava queste pietre contro i visitatori non appena lo zoo apriva, mostrando le classiche caratteristiche dell'aggressivita' e dominanza negli scimpanze'. A nulla e' servito rimuovere le pile: Santino ha cominciato a nascondere sassi sotto cespugli e tronchi e a sradicare mattoni e pietre decorative. "Finora, non era chiaro se questo comportamento di programmazione cosi' umano e complesso non abbia in realta' spiegazioni piu' semplici; le opinioni di etologi e psicologhi animali erano contrastanti", ha spiegato Mathias Osvath della Lund University, primatologo a capo dello studio. "Abbiamo osservato - ha detto Osvath - numerosi episodi di questo comportamento, e scoperto che Santino non aveva mai nascosto le pietre alla vista dei custodi prima del 2010, e ha cominciato a comportarsi in maniera ingannevole, dando l'impressione ai visitatori di non essere aggressivo per poi lanciare dei sassi nascosti in maniera inaspettata. Questo ci fa pensare che Santino agisce in maniera del tutto deliberata e consapevole: una prova che anche gli animali sono in grado di pianificare nel tempo le loro azioni".

FONTE AGI

I vigili del fuoco raccontano il “MIRACOLO di Cavezzo”: donna estratta viva SALVATA da un mobile


La donna era sotto un mobile della cucina, un mobile l’ha salvata. E’ stato un miracolo”. Cosi’ l’ingegnere Parrino dei vigili del fuoco di Modena, che ha coordinato i soccorsi che hanno portato al ritrovamento della donna rimasta per 12 ore sotto le macerie a Cavezzo (Modena). Ha 65 anni e poco dopo le 21 e’ stata portata in ambulanza al policlinico di Modena. La palazzina in cui abitava (di 4-5 piani e completamente collassata per il terremoto) era stata dichiarata inagibile ma stamattina, poco prima delle 9, la donna era rientrata per recuperare alcuni vestiti e oggetti. I soccorritori – alcune decine di vigili del fuoco che si sono alternati da stamattina – hanno quindi organizzato l’intervento di recupero, cercandola soprattutto tra la camera da letto e la cucina. E li’ l’hanno trovata sotto un mobile, anche grazie ai cani e alle sue richieste di aiuto. La donna e’ stata portata dagli automezzi di Bologna Soccorso all’ospedale di Baggiovara (Modena). A quanto si e’ appreso e’ in prognosi riservata.

FONTE METEO WEB.

MA SI PUO' Malato di shopping minaccia la mamma, DENUNCIATO per rapina

Era "drogato", ma di vestiti: jeans firmati, giacche griffate, scarpe all'ultimissima moda. Capi nuovi e all'ultimo grido non gli bastavano mai: tanto che e' arrivato a puntare un coltello contro la madre per farsi dare i soldi necessari per comprare altri vestiti. E cosi' la donna, esasperata, si e' rivolta ai carabinieri: per chiedere aiuto ai militari, affinche' facessero smettere le continue angherie del figlio. E' successo a Parma, dove un ventenne, disoccupato, e' stato denunciato per rapina.
Malato di shopping era arrivato altre volte a minacciare la madre affinche' gli desse i soldi necessari per comprare nuovi vestiti: ma le richieste negli ultimi tempi si erano fatte sempre piu' pressanti e ravvicinate. Fino a quando per un paio di scarpe firmate o una camicia da passerella il giovane ha addirittura tirato fuori il coltello: terrorizzando una madre gia' ormai sull'orlo della disperazione. 

FONTE AGI

INCREDIBILEEEE Figlio BIANCO da genitori di COLORE!!!

Dicono che a vedere quella creatura bianca con i capelli rossi e gli occhi chiari abbia reagito infuriandosi con la compagna. Comprensibile considerato che entrambi i genitori sono di colore. E' successo al Policlinico di Palermo. Il padre del piccolo, nigeriano come la neo mamma, prima e' rimasto di stucco, poi davanti al personale sanitario che non sapeva cosa fare e' andato su tutte le furie e se l'e' presa con la moglie. E' toccato al primario chiarire la situazione: "I casi di albinismo nella popolazione nigeriana non sono comuni, ma nemmeno rari - dice al Giornale di Sicilia il responsabile del reparto di Ostetricia e ginecologia del Policlinico Antonio Perino - uno su 14 mila".

FONTE AGI

ALLUCINANTEEEE gli manca un documento e RESTA PRIVO DI SEPOLTURA da ben 4 ANNI!!!!

Da quattro anni sta aspettando che si riesca a risolvere quegli 'intoppi burocratici' che impediscono una sua degna sepoltura. Ad attendere c'e' un cadavere, quello di Viviana Bassani, una donna di Busto Arsizio (Varese), che dal giorno del suo decesso e' parcheggiato in una cella frigorifera della camera mortuaria del cimitero bustocco. Tutto per un documento che ha in mano il figlio della donna il quale, dopo aver chiesto l'autopsia, e' sparito dalla circolazione. Senza quel pezzo di carta non e' possibile procedere alla tumulazione. In Comune nessuno e' riuscito a sbloccare la situazione e ora Agesp Servizi, che da un anno gestisce i servizi cimiteriali lancia un ultimatum a Palazzo Gilardoni: "Ancora una settimana per risolvere la questione altrimenti ci prenderemo la responsabilita' di tumulare la salma per dare la dignita' di una sepoltura a questa concittadina". Sul decesso della donna la Procura di Busto aveva aperto un'inchiesta per verificare se la morte fosse dovuta ad una cattiva assistenza sanitaria, viste le sue precarie condizioni di salute, ma e' gia' stata chiusa da diverso tempo proprio sulla scorta dell'autopsia. La salma finirebbe in un campo comune, ma finora non si e' trovato il modo per autorizzare la procedura.

FONTE AGI

INCHIESTA SU CROLLO CAPANNONI. nelle aree TERREMOTATE!!!Il


Il Procuratore capo di Modena Vito Zincani ha annunciato l'apertura di un inchiesta relativa alle vittime dei crolli avvenuti in provincia di Modena a causa del sisma. Sui crolli dei capannoni, su cui già è nata una polemica, ha detto che la "politica industriale a livello nazionale sulla costruzione di questi fabbricati è una politica suicida. L'indagine, affidata ai sostituti procuratori Maria Angela Sighitelli e Luca Guerzoni, - ha spiegato Zincani - si focalizzerà sul collasso dei capannoni industriali di recente costruzione, per verificare se sono state rispettate le norme antisismiche previste dalla direttiva regionale del 2003, ma anche se ci siano state negligenze o mancanze nella costruzione e nella progettazione e nel collaudo degli edifici stessi". Le ipotesi di reato, ancora in corso di valutazione, sono omicidio colposo plurimo, lesioni personali colpose - viene valutato anche il disastro colposo - e poi la violazione delle norme edilizie. Per ora i magistrati stanno raccogliendo le informazioni provenienti dalle forze dell'ordine relative alle persone estratte, al luogo dove sono state estratte e all'orario, alla posizione in cui erano. Al momento non ci sono indagati. 

FONTE PUPIA

Melania: processo Parolisi, NUOVO PRELIEVO dna a macedoni


E' iniziata puntuale alle 10, in Tribunale a Teramo, l'udienza del processo a carico di Salvatore Parolisi, il caporalmaggiore accusato del delitto della moglie Melania Rea avvenuto il 18 aprile del 2011 alle Casermette di Civitella (Teramo). Davanti al gup Marina Tommolini sono comparsi i tre macedoni, padre e due figli, a cui, su richiesta della difesa di Parolisi, e' stato nuovamente prelevato il Dna per fornire un'ulteriore prova ai fini del processo. I tre macedoni hanno lasciato l'aula dopo circa un'ora di confronto in cui il giudice ha posto loro diverse domande circa la loro presenza a Colle San Marco il giorno della scomparsa di Melania e la conoscenza del teritorio. Ai giornalisti, uscendo dall'aula, i macedoni non hanno voluto rilasciare dichiarazioni. Nella stessa udienza di stamane e' stato sentito nuovamente il proprietario del cane molecolare il cui fiuto condusse gli investigatori al cantiere dei macedoni. Inoltre, quale consulente del pm, e' comparso Daniele Peres, l'esperto cinofilo nominato dalla procura per sostenere l'eventuale inattendibilita' del cane molecolare "Piergiorgio".Infatti, in aula e' stato proiettato un video accompagnato da un verbale in cui veniva rimesso alla prova il cane molecolare. Il video e' stato girato dagli investigatori a Chiaravalle, nel comune di Jesi. Presenti in aula i familiari di Melania e Salvatore Parolisi, con i rispettivi avvocati. (AGI) .

fonte agi

Terremoto, gli sfollati protestano contro Monti E il Prof corre ai ripari

Prima i fischi, poi le urla e gli insulti. È un'accoglienza gelida quella riservata dagli abitanti di Sant'Agostino, il paese del Ferrarese che ha pagato il maggior tributo di vittime nel terremoto di sabato notte, al presidente del Consiglio Mario Monti.Al suo arrivo, il premier è stato contestato da alcuni cittadini che lo hanno accolto gridando: "Vergogna, ladri, potevi stare a casa". Ma già nel pomeriggio il Consiglio dei ministri ha deliberato lo stato di emergenza per i territori delle province di Bologna, Modena, Ferrara e Mantova colpiti dal terremoto. Subito a disposizione ci saranno 50 milioni di euro del Fondo per la Protezione Civile, appositamente rifinanziato.Una dura protesta contro le nuove tasse imposte dal governo tecnico, una selva di fischi contro la reintroduzione dell'Imu sulla prima casa. Gli sfollati di Sant'Agostino interpretano il disagio degli italiani per la crescente pressione fiscale e attaccano duramente il presidente del Consiglio. Non sono in molti, ma abbastanza per farsi sentire. Volano i fischi, volano gli insulti. Al suo arrivo a Sant’Agostino, insieme al presidente della Regione Emilia Romagna Vasco Errani, al capo della Protezione civile Franco Gabrielli e al questore di Ferrara Luigi Mauriello, Monti ha scambiato alcune parole col sindaco Fabrizio Toselli proprio di fronte al municipio sventrato dal violento terremoto. Prima di iniziare l'incontro insieme agli altri sindaci della zona colpita dal sisma e ai tecnici, il presidente del Consiglio è stato curamente contestato dai cittadini di Sant’Agostino.
 "Siamo semplici cittadini - hanno spiegato alcuni presenti - ma siamo decisi a far sentire la propria voce in un momento difficile in cui, oltre alla paura per il terremoto si sente anche disagio per le tante tasse". Negli occhi degli sfollati lo spettro dell'Imu e il rischio che le spese della ricostruzione del dopo terremoto vadano a pesare sugli stessi contribuenti. Il clima è teso. E non soltanto perché il terremoto di sabato notte ha lasciato a terra sette corpi senza vita. La gente è esasperata. "Poteva stare a casa, è venuto perchè questo è un circomediatico", ha spiegato una signora in piazza per contestare il presidente del Consiglio. "Abbiamo tanti problemi, c’è rabbia e paura - ha spiegato un altro contestatore - da uno Stato ci si aspetta quello che lo Stato dovrebbe fare: fischiamo per esprimere il nostro malcontento".Nonostante le contestazioni Monti ha spiegato che con la visita di oggi ha voluto portare "il senso di vicinanza del governo" alla popolazione "così colpita negli affetti e anche nella sua attività quotidiana". Il presidente del Conisglio, che oggi pomeriggio ha firmato lo stato di emergenza, ha lodato "l’ottimo sistema di collaborazione tra le diverse strutture" e "la grandissima voglia di riprendere al più presto la vita normale da parte della popolazione colpita".Nel pomeriggio, poi, il Consiglio dei ministri ha deliberato lo stato di emergenza (che durerà sessanta giorni) mettendo subito a disposizione 50 milioni e rinviando il pagamento dell’Imu sugli immobili e gli stabilimenti industriali che saranno dichiarati inagibili. Il governo ha inoltre iniziato l’esame di un intervento che consenta ai Comuni colpiti un allentamento del patto di stabilità interno.

fonte il giornale

Sisma, Monti alza la benzina

Dopo i fischi e gli insulti incassati durante la visita a Sant'Agostino, il premier non ha più fatto visita nelle zone terremotate. Le violente scosse di ieri hanno messo in ginocchio una delle zone più produttive del Paese. E il governo cosa fa? Alza ancora una volta le accise sulla benzina. Un unico spiraglio: forse salta l'aumento sull'Iva

 Un grido disperato s'alza per chiedere al presidente del Consiglio Mario Monti un intervento deciso per aiutare la popolazione ad affrontare il terremoto. E il governo cosa fa? Non riesce a mettere in cantiere altro che l'ennesimo rincaro sui carburanti. Due centesimi per aiutare i terremotati. Tutto qui.Bisogna dare ragione ad Antonio Di Pietro, a questo giro. Per il leader dell'Italia dei Valori aumentare di due centesimi al litro le accise sulla benzina per aiutare le popolazioni dell’Emilia colpite dal terremoto è "la solita scelta spiccia di chi non si assume la responsabilità di andare ad incidere sugli sprechi, la solita tassazione a pioggia". Proprio per questo, l'Idv consegnerà direttamente ai terremotati e agli amministratori locali dell’Emilia la tranche dei rimborsi elettorali che percepirà a giugno, circa 1,9 milioni di euro. Eppure tutti i tecnici insieme non sono riusciti a pensare altro che ad alzare di un nuovo balzello i carburanti. Altro? Poche idee e pure confuse. Monti si è fatto vedere solo una volta in quei luoghi stuprati dal sisma. Lo hanno fischiato, gli hanno chiesto di ridargli indietro i soldi strappati attraverso una tassazione eccessiva, gli hanno ricordato che l'Imu sulla prima casa è un'imposta ingiusta. Da quel giorno il premier non si è più fatto vedere in Emilia.Adesso il governo dei tecnici si presenta a Sant'Agostino, uno dei paesi più martoriati durante la prima ondata di scosse in Emilia, e si becca i fischi e gli insulti. Per i terremotati Monti ha assicurato l'esenzione dall'Imu e ha subito previsto di stanziare 50 milioni di euro. La nuova ondata di ieri, però, ha peggiorato una situazione già di per sé drammatica. Il governo ha deciso che le risorse derivanti dalla spending review saranno destinate alle popolazioni colpite dal sisma e sta valutando anche l'opportunità di evitare l'innalzamento di un paio di punti percentuali l'Iva. "Nessuno lascerà solo nessuno", ha promesso il presidente del Consiglio sottolineando che "per il buon comportamento dell’economia di un Paese, bisogna fare attenzione alle imprese, da una parte, al sistema Paese dall’altra, ma tutto deve essere tenuto insieme dalla coesione". Ecco, alzare ancora la benzina non è la strada giusta.

 fonte il giornale

 

Le scosse a grappolo, I NUOVI RISCHI !!!

Il terremoto scuote di nuovo e per tre volte in un giorno con un livello superiore al quinto grado della scala Richter il cuore della Pianura padana. Erano trascorsi solo nove giorni dal primo sisma (5,9). È normale o c'è qualcosa di anomalo? «Occorre aggiornare la mappa del rischio sismico», sostiene il ministro dell'ambiente Corrado Clini. «Probabilmente è vero», aggiunge Stefano Gresta, presidente dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv). «Ma in particolare - aggiunge - è necessario aggiornare il modo di leggere le mappe. Non basta considerare un valore di bassa pericolosità per una zona. Ciò che bisogna fare per comprendere meglio il problema è combinare assieme due carte oggi impiegate. Una esprime la probabilità dove si può manifestare un sisma in base ai dati statistici del passato, dalla quale emergono i valori di pericolo considerati dagli ingegneri per costruire; la seconda carta registra i picchi di massima intensità. Dalla loro unione potranno emergere indicazioni utili e più ricche rispetto a oggi».Ma nella valutazione dei pericoli a cui sono esposte le aree della Penisola in alcuni casi c'è la limitatezza dei dati che rende difficile le indagini. «Nella Pianura padana ripetutamente colpita dal sisma - prosegue il presidente dell'Ingv - mancano informazioni adeguate sulla deformazione del suolo. Per stabilire con certezza se la sequenza dei picchi di una certa intensità, emersa negli ultimi mesi con una certa frequenza, esprima un fenomeno anomalo oppure se rientri in un naturale processo sarebbero necessari dati più precisi. Nella regione soltanto dal Duemila si sta puntualmente rilevando la situazione con continuità e ora abbiamo anche intensificato gli strumenti; ma l'arco di tempo disponibile agli studiosi è ancora troppo ristretto per suggerire indicazioni utili. Occorrono molti più anni per costruire delle statistiche appropriate».Oggi la valutazione espressa dai geofisici dell'Ingv tende a vedere l'evento di ieri come espressione della norma. «Nessuna sorpresa - nota Warner Marzocchi -. Che si potesse verificare un altro terremoto intorno a sei gradi di magnitudo era stato detto sin dal primo giorno. Rientrava nelle probabilità possibili». «E non si può escludere che altri se ne possano manifestare nei prossimi giorni o settimane - aggiunge Antonio Piersanti -. Sono terremoti a grappolo, come li chiamiamo. Il primo evento genera delle perturbazioni nel sottosuolo da cui nascono altri movimenti tellurici la cui periodicità non è né prevedibile né sempre uguale». Quello che accade nelle profondità non è, purtroppo, facilmente comprensibile e non è detto che le nuove scosse siano sempre inferiori alla prima. «Ci possono essere delle repliche anche più forti - precisa Alessandro Amato - e potrei farle un lungo elenco. Ad esempio nel terremoto del Friuli nel 1976 dopo la prima scossa di maggio ne è seguita un'altra in settembre; nel 1984 in Val Comino nel Parco Nazionale d'Abruzzo i due sismi del 7 e dell'11 maggio erano connessi, di nuovo nel 1997 in Umbria e Marche abbiamo il terremoto di Colfiorito, come è rimasto noto, con la basilica di Assisi gravemente colpita.La causa che li scatena è sempre la stessa, cioè la compressione esercitata verso nord dalla placca africana sulla placca euroasiatica. Questa genera un'area ad alto rischio nel Sud, Sicilia in particolare, e il pericolo sale poi lungo tutta la Penisola come i movimenti degli Appennini ci ricordano spesso per il loro scontro con le Alpi. La placca africana, frammentata, si insinua anche nella zona dell'Adriatico aumentando il pericolo nel Settentrione orientale. Il terremoto del Friuli ad essa era infatti legato.La Pianura padana, dunque, è il lembo più settentrionale della placca africana e di conseguenza non può essere immune da questi fenomeni anche se statisticamente meno intensi. La zona interessata dal terremoto del 20 maggio è arrivata a sollevarsi di ben 15 centimetri come hanno scoperto i satelliti CosmoSkymed dell'Agenzia spaziale italiana Asi. La pianura inoltre, essendo stata formata da sedimenti marini, amplifica gli effetti di un sisma. Resta aperta, a questo punto, la domanda posta del presidente dell'Ingv Stefano Gresta: c'è qualcosa di anomalo nei fatti dell'ultimo anno?

fonte corriere

C'è chi non crede alle cause naturali del terremoto dell'Emilia e sul web rilancia ipotesi alternative e fantasiose

Non siamo ancora al Mel Gibson di «Ipotesi di complotto» che credeva di essere al centro di una congiura ordita dal governo. Ma ci siamo vicini. Il fatto stesso che ci possa essere stato un terremoto che abbia origini naturali in una zona d'Italia che non ne vedeva di forti da tempo, solo perché fino a qualche anno fa non era stata inserita tra quelle a rischio sismico, ad alcuni non va proprio giù. Così anche sul tragico sisma che ha colpito in due distinti momenti l'Emilia, c'è chi in rete si sbizzarrisce a prospettare scenari che di scientifico hanno proprio poco. Ma in compenso alimentano le ipotesi più fantasiose. GRILLO - Il più moderato, in questa caccia alla causa nascosta del sisma, per una volta è Beppe Grillo che sul suo blog rilancia le tesi di Giampaolo Giuliani sulla possibile prevedibilità dei terremoti. Tesi che finora non hanno avuto riscontro nella comunità scientifica, ma che al di là del dibattito accademico fanno sorgere una domanda: se i terremoti sono prevedibili a chi giova non dare l'allarme? Che anche i sismi facciano parte della strategia della tensione?FRACKING - Ma sul web c'è anche chi va oltre. E su YouTube annuncia: «Il terremoto in Emilia è stato provocato dalle prospezioni geologiche condotte nel sottosuolo dove vengono fatte brillare delle cariche alla ricerca di idrocarburi. Il governo di M. M. ha stipulato un accordo con multinazionali texane per queste prospezioni». Qui siamo al complotto delle multinazionali come negli anni '70. Solo con una spruzzata di ecologismo. Sotto accusa la tecnica del fracking o fratturazione. La fratturazione consiste nell'immissione di un fluido in uno strato roccioso per creare un varco all'interno. Lo si utilizza per aumentare l'estrazione e il tasso di recupero del petrolio e del gas naturale contenuti nel giacimento. Nella pianura padana ci sono centinaia di milioni di barili di petrolio e non ce ne siamo mai accorti? E il petrolio come verrebbe trasportato a destinazione in maniera che nessuno se ne accorga? Con un oleodotto segreto? Nelle forme di parmigiano rottamate?HAARP - Se fino ad adesso eravamo ancora rimasti al movente economico c'è però chi ipotizza scenari degni di Clive Cussler con un pizzico (per chi se lo ricorda) dell'indimenticabile Peter Kolosimo. E così c'è chi attribuisce il sisma ad Haarp l'impianto segretissimo (ma se è così segreto perché tutti lo conoscono?) che gli Stati Uniti avrebbero in Alaska e che sarebbe in grado di influenzare la Terra attraverso onde elettromagnetiche, scatenando terremoti a comando. Prove scientifiche? Inesistenti. Ma soprattutto: perché colpire l'Emilia? Perché è una nota terra di comunisti?INFLUENZE CELESTI - C'è, infine chi per spiegare il sisma lascia decisamente la terrà per avventurarsi nel più alto dei cieli. Così nell'ordine, c'è chi da la colpa agli allineamenti planetari, alla Superluna e infine, ai Maya. Che se non spiegavano la fine del mondo almeno, secondo i credenti, l'avevano prevista.

fonte corriere

Sisma in Emilia, trovato il corpo del disperso

In Emilia Romagna la terra continua a tremare. Sono state circa 50 scosse di terremoto registrate durante la notte nella zona colpita in dieci giorni da due violenti sismi di magnitudo 5.9 e 5.8, che hanno causato un totale di 23 morti, un disperso e circa 14.000 sfollati. Secondo i rilievi dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), delle scosse registrate dalla mezzanotte alle 5:15 di oggi la più forte è stata alle 3:54, con magnitudo 3.4 ed epicentro in prossimità dei comuni modenesi di Camposanto, Cavezzo, Medolla, Mirandola e San Felice sul Panaro e di quello mantovano di San Giovanni del Dosso.  
I SOCCORSI - Nonostante le continue scosse non si ferma la macchina dei soccorsi. I vigili del fuoco hanno recuperato il cadavere dell'operaio della azienda di Medolla, la Haematronic, che finora era dato per disperso. Le vittime nella fabbrica sono dunque ufficialmente quattro. Il bilancio delle vittime sale dunque a 17. NOTTE IN TENDA - Per gli sfollati è stata una lunga notte di ansia e paura. Migliaia le persone rimaste senza un tetto nel modenese, ma anche in provincia di Bologna e nel ferrarese, dove sono attendati gli sfollati del terremoto del 20 maggio. La popolazione dei Comuni di Mirandola, Medolla, Cavezzo, ma anche di Crevalcore e San Felice hanno trascorso la notte nei campi allestiti dalla protezione civile, ma c'è anche chi ha dormito in macchina e chi ha montato una tenda privata non lontano dalla propria casa dichiarata inagibile o crollata. Anche a Modena città c'è chi non ha voluto passare la notte in casa, sebbene non ci fossero controindicazioni. Il sindaco Giorgio Pighi ha deciso di tenere i parchi cittadini aperti e molti ne hanno approfittato, montando tende al parco Ferrari o sistemandosi in auto e camper. A Bologna come a Modena oggi le scuole e l'universitá rimarranno chiuse, per consentire le verifiche tecniche sulla stabilità degli edifici.

fonte corriere

AHAHAHAHA ma si puo' scrivere UNA COSA COSI!!!!

Scossa di magnitudo 2.7 in provincia di Modena. 30 maggio, ore 14.17

Una nuova scossa di terremoto ha colpito l’Emilia Romagna. E’ stata di magnitudo 2,7 e si è prodotta ad una profondità di 10.9 km, alle coordinate 44.935°N, 11.023°E, nel distretto sismico della Pianura Padana lombarda, in provincia di Modena. Il terremoto è avvenuto alle 14.17 ed è stato avvertito distintamente in numerosi Comuni. Quelli situati in un raggio compreso entro i 10 chilometri dall’ipocentro sono: Quistello (Mn), San Giacomo Delle Segnate (Mn), San Giovanni Del Dosso (Mn), Schivenoglia (Mn), Cavezzo (Mo), Concordia Sulla Secchia (Mo), Medolla (Mo), Mirandola (Mo), San Possidonio (Mo); quelli che si trovano in un raggio compreso, invece, tra i 10 e i 20 chilometri sono: Magnacavallo (Mn), Moglia (Mn), Ostiglia (Mn), Pegognaga (Mn), Pieve Di Coriano (Mn), Poggio Rusco (Mn), Quingentole (Mn), Revere (Mn), San Benedetto Po (Mn), Serravalle A Po (Mn), Sustinente (Mn), Villa Poma (Mn), Rolo (Re), Camposanto (Mo), Novi Di Modena (Mo). Pochi minuti prima si era verificato un fenomeno analogo.Una scossa di magnitudo 3.2 si è scatenata alle 14.01. Il suo ipocentro, benché la scossa non sia stata di intensità rilevante come le precedenti, è stato decisamente basso, ad una profondità, cioè, di soli 1,2 chilometri. Il sisma si è prodotto nel distretto sismico della Pianura padana emiliana, in provincia di Modena, alle coordinate 44.887°N, 11.068°E. Anche questo fenomeno è stato distintamente avvertito dalla popolazione.In particolare, i comuni dove è stato sentito e che si trovano in un raggio compreso entro i dieci chilometri sono: San Giacomo Delle Segnate (Mn), San Giovanni Del Dosso (Mn), Cavezzo (Mo), Concordia Sulla Secchia (Mo), Medolla (Mo), Mirandola (Mo), San Felice Sul Panaro (Mo), San Possidonio (Mo), Magnacavallo (Mn), Moglia (Mn), Ostiglia (Mn), Pieve Di Coriano (Mn), Poggio Rusco (Mn), Quingentole (Mn), Quistello (Mn), Revere (Mn), Schivenoglia (Mn), Serravalle A Po (Mn), Sustinente (Mn), Villa Poma (Mn), Bastiglia (Mo), Bomporto (Mo), Camposanto (Mo), Novi Di Modena (Mo), Ravarino (Mo), San Prospero (Mo), Crevalcore (Bo). I dati, come sempre, sono stati rilevati dai macchinari dell’Istituto nazionale di Geofisica e vulcanologia.Ogni elemento viene analizzato a interpretato da esperti sismologi. Tuttavia, ricorda lo stesso istituto, «nessuna garanzia implicita o esplicita è fornita. Ogni rischio derivante da un uso improprio dei parametri o dall'utilizzo delle informazioni inaccurate è assunto dall'utente».

FONTE IL LUSSIDIARIO

ღ✰ღ✰Un tenero bacino...per augurarti un dolce Mercoledi...ღ✰ღ✰

 
♥❥❥══════♥❥❥═ ❤♥❥♥♥❥ℒℴνℯ ♥❥♥♥❥❤ ═ ♥❥❥══════❥♥❥

O.o. DONNA che da 41 anni NON SI TAGLIA i capelli ...speriamo che almeno se li LAVI AHAHAHAH

Si chiama Ni Linmei, vive a Shangai ed è diventata famosa grazie ai suoi capelli.
La signora Linmei, infatti, oggi ha ben 55 anni, ma non taglia i suoi capelli da quando ne aveva 14; un record davvero incredibile che gli ha fatto arrivare i capelli ad una lunghezza di 2 metri e mezzo, 243 cm per l'esattezza.
Sul web ha ora diffuso le sue foto, dichiarando che per misurare i suoi capelli è costretta a salire su una scala.
 fonte notizie strane

ALLUCINANTEEEE DONNA vive per 6 MESI con un CADAVERE!!!!


La polizia, allerata da un vicino che aveva visto da una finestra la donna ballare nuda in salotto, ha fatto irruzione nell’appartamento ed ha trovato un uomo seduto sul divano, in avanzato stato di decomposizione.
L’uomo e la donna si conoscevano ed erano noti per trascorrere del tempo insieme.L’uomo, un 67enne scomparso dal mese di settembre senza lasciare tracce, sarebbe morto per cause naturali.Nonostante non vi siano indicazioni, a questo punto, che la donna sia responsabile della morte dell’uomo, è stata in ogni caso arrestata per aver “occultato” un cadavere.Dopo che l’autopsia ha confermato la morte per cause naturali, la donna è stata rilasciata.Un vicino di casa ha affermato che la donna ha problemi mentali e inoltre: “A volte si pitturava il viso con la vernice come i guerrieri indiani.Ho tentato di offrirle aiuto, ma subito si rifugiava in casa”.L’avvocato della donna, nega qualsiasi responisbilità della sua cliente. “Lei non ha nulla a che fare con la morte dell’uomo”, ha detto l’avvocato Anton Strand.I vicini si erano lamentati più volte di un orrendo odore, persistente nella tromba delle scale della casa, ma nessuno era intervenuto.

FONTE EXPRESS

INCREDIBILEEEE fa uno STRIP su monte sacro: e come risposta le dicono "VA ESPULSA"


Una danzatrice francese, filmata mentre eseguiva uno strip in cima alla montagna sacra degli aborigeni Uluru, nel centro desertico dell'Australia, dovrebbe essere subito espulsa, secondo i proprietari tradizionali. Le immagini hanno provocato le ire degli aborigeni locali, per i quali Uluru è un sito sacro legato alle storie della creazione, e contestano che ai turisti sia consentito di scalarla. David Ross, direttore del Central Land Council che rappresenta i proprietari tradizionali di Uluru e del parco nazionale circostante, ha detto che la donna dovrebbe essere espulsa. "Troppo spesso Uluru viene usato da individui per qualche dubbia attività a spese delle leggi e della cultura degli aborigeni", ha dichiarato. Sery ha detto al giornale che non voleva offendere la cultura aborigena. "L'ho fatto in omaggio alla maniera in cui loro erano, quando vivevano nudi", ha aggiunto. Un portavoce della polizia ha detto che se vi sarà una denuncia alla giovane potrebbe essere inflitta una multa di 200 dollari (140 euro).

fonte ansa

ESISTE DAVVEROOO L'UOMO PIU' BASSO DEL MONDO!!!alto solo 54,6 centimetri,

E così, dopo aver parlato poco tempo fa di Chandra Bahadur Dangi, che si è dichiarato come l'uomo più piccolo del mondo, ecco arrivare la notizia ufficiale dal Guinness World Record.
Quest'uomo, infatti, alto solo 54,6 centimetri, ha ricevuto l'attestato ufficiale dai giudici del Guinness di "uomo più basso del mondo".
Il signor Dangi ha 72 anni e vive in un villaggio povero del Nepal, anche se ora, grazie al titolo raggiunto, si trasferirà ed andrà a vivere in una delle zone più prestigiose del paese, finanziato dal suo stesso stato per evitare che si trasferisca altrove.
 FONTE NOTIZIE STRANE

MA NO DAIIII COME SI PUO' Morire SOFFOCATO dal seno della LAP-DANCER


Un allegro addio al celibato, in uno strip club americano, si è trasformato in una tragedia per il futuro sposo. Un ragazzo 32enne, che si godeva le attenzioni della procacissima stripper, è stato infatti soffocato dal suo enorme seno: una decima misura al silicone.Secondo la polizia l’uomo, che aveva la faccia completamente sotterrata nel seno della ballerina, ne è rimasto soffocato ed è morto.“Chi avrebbe potuto capire che quando ha cominciato a fare grandi cenni con le mani chiedeva aiuto”, hanno detto gli spettatori. Quando si sono accorti che non si muoveva più era ormai troppo tardi.Citati in giudizio il locale e la stripper per omicidio colposo. INFORMA TRIESTE

DEVI MUOVERTI DI NOTTE ma NON VEDI NULLA? ADESSO PUOI!!!! AHAHAAHHHA

PANTOFOLE CON FARETTI INTEGRATI
Indispensabili per andare al gabinetto di notte senza svegliare qualcuno

FONTE immagine web

CAVOLO Norma Stitz, DICE che è TUTTO NATURALE !!! AHAHAHAHHA

POVERNOOO Uomo torna dal pellegrinaggio, inciampa, cade e muore


Una morte apparentemente inspiegabile quella di Aldo Buti, un uomo di Pontedera che dopo essersi recato in pellegrinaggio a Medjugorje, è tornato e stava rientrando a casa, quando però è inciampato, è caduto, ha battuto forte la testa ed è morto. L’uomo è stato ritrovato senza vita in Via dell’Indipendenza. Hanno provato a soccorrerlo, ma ogni tentativo è stato inutile. Ancora sono da chiarire le cause del decesso.I medici gli hanno ritrovato una ferita in testa, che dovrebbe essere quella che si è fatto cadendo per terra dopo essere inciampato. E’ l’unica giustificazione plausibile per una morte così brutale. L’uomo era appena sceso dal pullman, dopo essersi recato ad un pellegrinaggio, ma purtroppo non è mai riuscito a tornare a casa.L’hanno trovato morto per terra, sul marciapiede situato proprio davanti al circolo Bertelli, in Via dell’Indipendenza, a Pontedera. L’hanno ritrovato dei passanti, proprio qualche giorno fa, di mattina, e così è stato dato subito l’allarme.L’uomo, che aveva 73 anni, purtroppo non ce l’ha fatta. Si è parlato anche di un possibile malore, che l’avrebbe potuto uccidere, ma si è più propensi a dar credito all’ipotesi del colpo alla testa. Al momento, si è in attesa dell’autopsia, che sarà eseguita sul corpo della vittima in questi giorni per stabilire le cause della morte.

FONTE CURIOSONE

ALLUCINANTEEE Vescovo di Rimini raggiunge la Chiesa con una Roll Royce!

Il 29 Aprile, il vescovo emerito di Rimini, monsignor Mariano De Nicolò, ha raggiunto la chiesa di Bellariva presso RImini a bordo di una fantastica Roll Royce d’epoca: “questa auto non è la mia, e quella di domenica scorsa è stata la prima volta che salivo a bordo di una macchina del genere. Dalla parrocchia di Bellariva sono venuti a prendermi per partecipare alle cresime.
Quando ho visto la Rolls Royce – ha aggiunto il vescovo emerito – ho subito detto al signore che la guidava: ‘Così mi mette in imbarazzo’. Durante il tragitto questo signore, che possiede una ventina di queste vetture d’epoca, mi ha spiegato che l’auto, con targa della Gran Bretagna e guida a destra, era del 1976 ed era appartenuta a un attore famoso. Una gran bella macchina, nulla da dire”.

FONTE OMINO

CLAMOROSO Vasco choc su Facebook: GUARITO da 3 malattie MORTALI!!!

ROMA. Blasco e' "completamente guarito da tre malattie mortali" e tra sei mesi sara' pronto a "stupire" i suoi fan. "Io non sono andato in pensione", annuncia Vasco Rossi su Facebook, "non mi sono messo a parlare male di tutti i miei colleghi, non sono messo un po' male.. Ma fortunatamente sono guarito completamente da tre malattie mortali, ho fatto tre mesi di clinica e di anfi...biotici e per riprendersi una persona normale ci mette un po' di tempo. Ma io non sono normale e sono gia' pronto. Mi prendo sei mesi sei di recupero... Poi tornero' a stupirvi...". Una valanga di messaggi ha accolto l'annuncio di Vasco e c'e' chi gia' ipotizza un grande concerto prima della fine dell'anno.

FONTE GIORNALE PUGLIESE

Lettori fissi.

Google+ Badge