Cerca nel blog

...

domenica 8 luglio 2012

❁◕ ‿ ◕❁Oggi è DOMENICA e quindi me ne sto in pieno RELAX ❁◕ ‿ ◕❁

✫•¤°*”˜˜”*°¤•. ✫•¤°*”˜˜”*°¤•. ✫••°*”˜•°*”˜˜”*°••°*”˜
╔═╦═╦╗╔╦═╦═╗█▀▄ █▀█ ██║██ █▀ ██║█ █ █▀ █▀█
║═╣═╣║║║╠╣═╣█║█ █║█ █║█║█ █▀ █║██ █ █║ █▀█
║╔╣═╣╚╣║╠╣═╣█║█ █║█ █║▀║█ █║ █║██ █ █║ █║█
╚╝╚═╩═╩╩═╩═╝▀▀║ ▀▀▀ ▀║║║▀ ▀▀ ▀║║▀ ▀ ▀▀ ▀║▀
•°*”˜˜”*°•. ˜”*°• ˜”*°•✫¤ ✫¤•°*”˜•°*”˜•°*”˜˜”*°••°*”˜

FORZAAAAAAAAAAAAAAAAAA

Previsioni per Domenica 8 Luglio, CALDO sull'Italia, specie al SUD. Tutte le info!



NORD
Cielo sereno o poco nuvoloso su tutte le regioni al mattino. Durante le ore pomeridiane sviluppo di nubi cumuliformi sulle zone montuose con qualche temporale sparso. Repentino miglioramento a sera e temperature in netto aumento. Clima caldo, sensazione di disagio sulla Romagna a causa di alti tassi di umidità.

CENTRO
Cielo sereno o poco nuvoloso su tutte le regioni. Qualche addensamento in più al pomeriggio sugli Appennini, senza precipitazioni. Calma di vento e temperature in aumento con clima caldo, specie sul Lazio e le coste adriatiche.

SUD
Condizioni di tempo stabile e soleggiato su tutte le regioni con rari addensamenti al pomeriggio sugli Appennini. Calma di vento e forte aumento delle temperature. Clima molto caldo, fastidioso negli entroterra del Molise, Puglia, Basilicata, Sicilia e Sardegna.

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright METEOPORTALEITALIA

Magnitudo(Ml) 2.3 - ITALIA - Evento in mare 08/07/2012 03:40:29 (italiana)

Magnitudo(Ml) 2.3 Profondità 154.2 km 
----------  Distretto sismico Costa_calabra_occidentale---------

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright INGV

FORMULA1: Gb, Alonso in pole a Silverstone

Fernando Alonso su Ferrari ha conquistato la pole position nelle qualifiche del Gp di Gran Bretagna di Formula 1, interrotte per 92' a causa della pioggia.In prima fila anche Mark Webber con la Red Bull. Seconda fila per Michael Schumacher (Mercedes) e Sebastian Vettel (Red Bull).Quinto tempo per l'altro ferrarista Felipe Massa. Per Alonso si tratta della 21/a pole in carriera, circa due anni dopo l'ultima conquistata, che risaliva al Gp di Singapore del 2010, sempre con la Rossa.

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Bambino cade dalla finestra al quarto piano, e' GRAVISSIMO

A nemmeno un anno di eta' e' precipitato da una finestra di casa sua, al quarto piano di un palazzo di Foligno, e ora e' ricoverato in gravissime condizioni nel reparto rianimazione dell'ospedale di Perugia. Un incidente, secondo i carabinieri, che comunque stanno svolgendo accertamenti per ricostruire l'esatta dinamica dell'episodio. Il bambino (nato nel settembre del 2011) potrebbe essersi arrampicato su un box o forse su un altro oggetto. Mentre la madre era impegnata in alcune faccende domestiche e il padre stava dormendo in camera con un altro figlio.Nella sua caduta ha urtato una tapparella aperta verso l'esterno ai piani sottostanti che ha rallentato la caduta, facendo da scivolo. E' poi finito sul parabrezza dell'auto del padre parcheggiata davanti al palazzo. Subito soccorso, e' stato trasportato inizialmente all'ospedale di Foligno. Viste le sue gravi condizioni, i medici ne hanno pero' disposto immediatamente il trasferimento a quello di Perugia. Ricoverato in rianimazione, le sue condizioni sono considerate particolarmente gravi e in queste ore viene sottoposto a diversi accertamenti. Secondo il direttore del dipartimento di emergenza-urgenza dell'ospedale di Perugia, Mario Capruzzi, saranno decisive le prossime 24-48 ore.''Nei bambini cosi' piccoli - ha ricordato attraverso l'ufficio stampa del Santa Maria della Misericordia - le ossa del cranio non sono ancora saldate. Questo consente aspettative maggiori rispetto a un adulto''. Capruzzi ha sottolineato la sinergia tra l'ospedale di Foligno e quello di Perugia per gestire l'emergenza. ''Entrambi - ha detto - si sono mobilitati per trattare al meglio il bambino''.

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

SALDI : al via in sordina, all'ombra della CRISI

La crisi mette ko anche i saldi estivi. Complice la giornata di sole e la voglia di fuga dalla città, l'avvio delle svendite è stato in sordina. Non ci sono state le classiche file chilometriche davanti ai negozi delle vie dello shopping né a Roma né a Milano, salvo davanti a quelli d'alta moda. L'avvio della stagione degli sconti è stato sotto tono anche in altre grandi città. Contro corrente Torino, dove l'Ascom ha riscontrato "una partenza vivace".Più 'movimento' c'é stato nei centri commerciali e negli outlet. La presidente di Federstrade-Confesercenti e vicepresidente di Confesercenti di Roma e Lazio, Mina Giannandrea prevede i saldi che saranno "un clamoroso flop" dopo che "da un sondaggio che abbiamo effettuato nei negozi di 30 strade commerciali della Capitale, a fine mattinata - spiega - già nelle prime ore risulta evidente un calo delle vendite del 20-30% rispetto ad un anno fa. La spesa procapite, per le prossime sei settimane, non supererà gli 80 euro". Per il Codacons, le riduzioni nelle vendite rispetto agli sconti estivi del 2011 si aggirano attorno al 15% con picchi del 25% specie nei piccoli negozi, mentre cali più contenuti tra il 5 e l'8% si stanno registrando presso centri commerciali e outlet. Gli unici negozi che segnano acquisti in linea con lo scorso anno, aggiunge il Codacons, sono le boutique delle grandi firme, soprattutto grazie ai turisti stranieri. Per invogliare all'acquisto, il Codacons propone il "sabato d'oro" dei saldi, ossia sconti aggiuntivi del 20% a quelli già praticati, nelle giornate di sabato dalla prossima settimana sino a fine agosto.Ma i commercianti sperano piuttosto nei giorni feriali, quando la gente è ancora in città per lavoro. Adusbef e Federconsumatori ritengono che dopo l' andamento disastroso registrato lo scorso anno (-9,5% di vendite), quest'anno si prevede un ulteriore contenimento per i saldi, stimabile attorno all'8%. Le due associazioni affermano che "sarà appena una famiglia su tre ad acquistare a saldo (pari a circa 8.100 famiglie), per una spesa media di circa 127 euro e un giro di affari pari ad 1 miliardo e 16 milioni. Per la Coldiretti, con la crisi più di un italiano su due, il 51%, ha ridotto, rinunciato o rimandato l'acquisto dell' abbigliamento che si classifica tra i beni più colpiti dall'andamento economico sfavorevole. Calo fino al 20% a Bologna, parecchia gente a spasso a Napoli per le vie del centro ma pochi gli acquisti, negozi 'semivuoti' a Palermo dove i commercianti già stimano un calo del 30%. A Torino, invece, si è tornati "a vedere le persone dentro i negozi - spiega la presidente dell'Ascom, Maria Luisa Coppa - Questo non significa che tutti abbiano fatto acquisti, ma almeno c'é interesse e voglia di combinare buoni affari". 
ITALIANI CHE HANNO RIDOTTO SPESA, RINUNCIATO O RIMANDATO ACQUISTO
Abbigliamento                               51 per cento
Viaggi o vacanze                            50 per cento
Tempo libero                                47 per cento
Beni tecnologici                            34 per cento
Attività culturali                          33 per cento
Arredamento                                 33 per cento
Auto/moto                                   30 per cento
Generi alimentari                           16 per cento
Spese per i figli                           11 per cento .
  
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Neonato ABBANDONATO, richieste di adozione da tutta Italia

Non solo decine di telefonate al centralino della Mangiagalli per chiedere in adozione il neonato lasciato nella 'Culla per la vita', la nuova edizione della medievale ruota degli esposti. Ma anche amarezza perché il caso viene paragonato a "una sconfitta" poiché significa che la madre è arrivata a fare questa scelta "estrema in quanto non ha trovato un aiuto adeguato". E' una vicenda che sta facendo riflettere e discutere quella del bimbo adagiato da chi l'ha messo al mondo in quel giaciglio sistemato dietro una saracinesca che si affaccia, quasi come uno sportello, su via Corridoni, di fianco all'ingresso della clinica ritenuta il 'fiore all'occhiellò dell'ostetricia e ginecologia italiana.Coccolato e protetto dalle infermiere del reparto di neonatologia, Mario, questo il suo nome, un chilo e 700 grammi e partorito probabilmente in casa una settimana fa, é in buone condizioni. Rimarrà per ancora una settimana in una culla termica, poi sarà trasferito in reparto fino a quando non verrà dato in adozione. E già da questa mattina in molti, soprattutto dal Sud Italia, si sono fatti avanti per domandare di poter accogliere il neonato nella propria famiglia."La nostra risposta però è stata sempre la stessa - ha spiegato il direttore sanitario Basilio Tiso - : per adottarlo bisogna rivolgesi al Tribunale dei Minori". Il primo a fare qualche riflessione sul caso è proprio il primario del reparto di neonatologia della Mangiagalli, Fabio Mosca: "Al di là del fatto che nella 'Culla per la vita' il bambino è stato messo al sicuro ed ora è tutelato, quello che é accaduto è una sconfitta perché vuol dire che la mamma non ha trovato l'aiuto adeguato". E ancora: "Se è bello compiacersi perché la tecnologia e l'organizzazione hanno funzionato alla perfezione e perché l'investimento economico - ha aggiunto in modo ironico - ha avuto un 'senso', non possiamo perdere di vista il nocciolo del problema: una madre ha abbandonato suo figlio e nessuno si è accorto che era in difficoltà".Insomma il neonatologo, pur ricordando che le donne possono partorire in ospedale senza aver l'obbligo di dare il cognome e di riconoscere il bimbo, riassume la vicenda così: "E' un po' come salvarsi in extremis sull'orlo del precipizio". E di "sconfitta" parlano anche Silvio Viale, ginecologo e presidente dei Radicali Italiani e Pierfrancesco Majorino, assessore alle politiche sociali del Comune di Milano: "Domani andrò in Mangiagalli - ha annunciato Majorino - per salutare e portare un piccolo dono a Mario e per ringraziare gli straordinari operatori che si sono e si stanno occupando di lui. E' evidente - ha proseguito - che cose simili non devono accadere. Non voglio colpevolizzare la madre e nemmeno polemizzare con altre istituzioni, ma mi auguro che chi gestisce i consultori e la sanità si interroghi. Pure noi, per quel che riguarda il mio assessorato, dovremo attivarci affinché non succeda più". Per Ernesto Caffo, il presidente di Sos Telefono Azzurro, l'aver abbandonato nella 'Culla per la vita' il figlio è stato "un gesto di disperazione, un grido d'aiuto e allo stesso tempo monito per tutti noi. Tutti, dal mondo politico a quello istituzionale e associazionistico, - ha raccomandato - abbiamo una grande responsabilità: lavorare perché, soprattutto in un'epoca storica di grande incertezza economica non siano le famiglie a pagare il prezzo della crisi e non siano, ancora una volta, bambini e adolescenti i più colpiti. Il rigore deve essere accompagnato alla crescita e la crescita di un Paese - ha concluso - a sua volta, si misura nel sostegno che si dà alle famiglie e alle nuove generazioni".

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vasco sposa Laura: 'Piccolo grande passo'

Sarà stato anche un 'atto puramente tecnico', come il Blasco l'ha definito, ma il suo matrimonio a sessant'anni con Laura Schmidt, 43 anni, sua compagna da 25, ha richiamato un po' di baraonda davanti al municipio di Zocca, dove è nato e continua a vivere, sulla montagna modenese più vicina a Bologna. E, per l'occasione, Vasco Rossi si è anche messo una giacca scura sopra una camicia bianca, invece dell'immancabile gilet del 'kom', ma poi, colpa del caldo, se l'é tolta per lo scambio di doni. Laura, milanese di origine tedesca, conosciuta quando lei non aveva ancora 18 anni, si è sposata con un abito nero, lungo fin sotto il ginocchio, pizzo nero per chiudere la castissima scollatura e per le maniche lunghe.Alle nozze volute "per dare a Laura gli stessi diritti dei miei tre figli" e perché le coppie di fatto "al Vaticano non sono simpatiche", come aveva spiegato Vasco su Fb, c'erano pochissimi invitati, con le mamme degli sposi e la 'tata' Ivana che l'ha cresciuto. Testimoni il loro figlio Luca, 21 anni, e Liliana 'Lilli', sorella di Laura. Il Blasco non ha voluto musica, ha raccontato poi 'Checco', il vice sindaco Francesco Bagnaroli che li ha sposati e che, amico di famiglia e compagno di tressette, dopo il sì gli ha regalato anche un mazzo di carte piacentine. Una sua canzone, 'I soliti', Vasco l'ha invece fatta sentire dopo in un 'clippino' di nuovo su Fb, ormai il suo mezzo di comunicazione preferito. "Bene, diciamoci la verità, anche questa è andata", commenta in casa, in maniche di camicia, mostrando anche la fede nuziale (quella di Damiani scelta da Laura, in oro bianco, con i due nomi in un leggero pavé di diamanti all'interno): "Vedete adesso siamo regolari" e "diciamo che la più contenta è stata la mamma", che ha visto il figlio "sistemato, diciamo sistemato proprio".E sorride, facendo ascoltare qualche nota della canzone, proprio quando canta: "noi siamo i soliti". "Certo che è stato un piccolo passo per un uomo e un grande passo per l'umanità - commenta scherzando, come aveva fatto con i giornalisti anche subito dopo il matrimonio - ma non ho fatto il passo più lungo della gamba". Arrivato in municipio un po' dopo le 17, in un furgone dai vetri oscurati, Vasco è stato subito preso in consegna da due guardaspalle che l'hanno nascosto con le proprie giacche. Fuori dal municipio giornalisti, fan e curiosi, in una mescolanza non senza attriti, avrebbero tanto voluto vedere qualcosa. A metà cerimonia telecamere e fotografi sono stati ammessi nell'anticamera della sala di Giunta, dove si sono sposati. E' stato lì che il Blasco si è fermato pochi istanti davanti a telecamere e fotografi, prima di essere di nuovo trascinato via dalle due guardie del corpo. "Era ora", ha osservato mamma Novella entrando in municipio per le nozze: Vasco gliel'aveva annunciato l'anno scorso che si sposava, gliel'aveva 'promesso'. Il suo sì è stato 'deciso', più di quello di Laura, racconta ancora 'Checco': "C'é stato lo scambio di anelli e poi il bacio".

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Alluvioni in Russia, si aggrava il bilancio: 134 morti

E' salito a 134 morti il bilancio della violenta tempesta che si è abbattuta sulla sponda russa del Mar Nero. Lo riferisce in serata la polizia. Il distretto di Krymsk è il più colpito con 123 morti. AltrI corpi sono stati ritrovati nella stazione balneare di Gelendzhik e nel porto di Novorossiisk.E' stata inoltre ordinata l'evacuazione di migliaia di residenti. Il premier Dmitri Medvedev ha chiesto alle autorità locali di venire costantemente informato della vicenda, affermano le agenzie russe, mentre anche una trentina di treni nel distretto si sono fermati. Stando al portavoce dipartimento per le emergenze, Igor Zhelyabin, la furia "é stata davvero impressionante.Anche i semafori sono stati portati via dal vento. Centinaia di case sono state portate via dal vento". La compagnia petrolifera che gestisce l'export del petrolio, Transneft, ha fermato tutte le sue navi, ha detto il portavoce Igor Dyomin: "Abbiamo bloccato le spedizioni, a causa della tempesta. La regione è in pieno collasso per i trasporti". La polizia ha innalzato il numero di agenti "anche per evitare atti di sciacallaggio di massa", ha detto un portavoce. Ben 13.000 abitanti della zona inondata hanno dovuto lasciare le loro case.Napolitano ha inviato al presidente Putin il seguente messaggio: "Sono profondamente rattristato dalle notizie relative alle devastanti inondazioni che hanno colpito il sud della Russia con un pesante bilancio di vittime. Desidero in questa tragica circostanza farle pervenire, a nome del popolo italiano e mio personale, i sensi della più sincera e affettuosa vicinanza e solidarietà al suo Paese, al quale l'Italia è unita da profondi e storici legami, e a tutte le famiglie colpite da tale tragedia. Con questi sentimenti desidero porgerle l'auspicio che le misure prontamente adottate consentano di riportare gradualmente alla normalità le condizioni di vita delle popolazioni duramente provate".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

INCREDIBILEEEEEEEEEEEE MA VERO!!! In Grecia c’è chi NO USA più l’Euro

Questo articolo è perfetto per spiegare con semplicità un importante concetto: si può evitare l’uso dell’euro ed il ricatto del debito che esso genera senza aspettare che siano le istituzioni a organizzare la cosa, perché spontaneamente esse non lo faranno mai.Ma la gente comune, che per vivere ha la necessità di scambiare beni e servizi materiali, può organizzarsi creando delle valute parallele con le quali strutturare una forma moderna e telematica di baratto. E tutto pare funzionare alla perfezione.VOLOS, Grecia – Mentre la Grecia si interroga se uscire dall’euro, una città, Volos, ha costituito una valuta alternativa locale.Pochi mesi fa, una moneta alternativa è stata introdotta nella città portuale greca di Volos. È stata un'iniziativa nata dal basso che da allora è cresciuta in una rete di oltre 800 soci, in una comunità che lotta per sopravvivere alla crisi finanziaria causata dall’Euro.La bancarella di artigianato al mercato centrale di Volos si trova alla fine, subito dopo le marmellate fatte in casa. Dopo aver accuratamente visionato quello che c’è in offerta, Hara Soldatou ha selezionato una serie di candele decorate, felice del suo acquisto. "Si mi è costato 24 TEM, che ho mssso assieme offrendo lezioni di yoga", dice.La bancarella di artigianato al mercato centrale di Volos si trova alla fine, subito dopo le marmellate fatte in casa. Dopo aver accuratamente visionato quello che c’è in offerta, Hara Soldatou ha selezionato una serie di candele decorate, felice del suo acquisto. "Si mi è costato 24 TEM, che ho mssso assieme offrendo lezioni di yoga", dice.Funziona come un sistema di scambio. Se si dispone di beni o servizi da offrire, si guadagna credito, con un euro pari a un TEM. È quindi possibile utilizzare i “risparmi” per comprare qualsiasi cosa viene offerto attraverso la rete, portando ad alcuni scambi di beni piuttosto originali.Uscire dalla zona euro è stato uno scenario spesso discusso negli ultimi mesi, da quando la Grecia è sprofondata nella peggiore recessione della sua storia moderna. E mentre alcuni del paese vedono il TEM come una vera alternativa – "l’euro è una cosa del passato", ha spiegato un negoziante – ad altri sembra invece più un ripiego che un sostituto valido.Ma la rete moneta alternativa si sta diffondendo in tutta la comunità, con sempre più aziende oggi dipende.In un locale floricoltura cooperativa composto da persone con disabilità di apprendimento, i lavoratori utilizzano TEM per vendere i loro impianti per altri servizi che altrimenti faticano a permettersi. E i membri del pubblico sono accorsi per aiutare il business, tagliare l’erba o riparare una staccionata in cambio delle piante offerte in cambio."Siamo in grado di comprare pane o carne in cambio per i nostri prodotti, o le ragazze possono andare dal parrucchiere", dice Peri Mantzafleri, che gestisce la cooperativa.Nel municipio locale, i bambini partecipano a laboratori di attività vivaci – un misto di giochi, canti e disegni. I genitori che stanno lottando per permettersi le sessioni possono pagare in parte attraverso la TEM, con le due valute che lavorano fianco a fianco."È una grande soluzione contro questa crisi. La vita va avanti, dobbiamo lottare",

  RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright NON POSSO CREDERCI

Miss STUPRATA e picchiata: CHIEDE solamente che “PrRENDIATE l’aggressore!”

Sono trascorsi quasi tre anni da quando Stephanie Hewson, dal North Tyneside ed ex miss Newcastle, è stata aggredita e violentata. Sul volto e sul corpo portava i segni della violenza: il naso rotto, la bocca squarciata e poi ematomi e contusioni intorno agli occhi e lividi sulle spalle. Le ferite si sono rimarginate, ma quell'incubo Stephanie lo porta ancora dentro di sé e il peggio è che il suo aggressore è ancora a piede libero.La Hewson ha accettato di diffondere la fotografia che ritrae il suo viso tumefatto nella speranza che l'immagine scioccante aiuti a catturare il suo aggressore. In un'intervista video la donna ha detto: "È un miracolo che sia ancora qui. Ho avuto ferite dovunque… Dal momento dell'attacco la mia vita è completamente cambiata".La polizia sta cercando di rintracciare lo stupratore. Sono stati diramati appelli rivolti a chiunque possa detenere una qualsiasi informazione e sono stati rilasciati e diffusi filmati a circuito chiuso che ritraggono un possibile sospettato. Nonostante tutto, le forze dell'ordine non sono ancora riuscite a identificarlo.
  
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright NON POSSO CREDERCI

CHE C@@@ DI GIUSTIZIA è QUESTA?!?Tenta stupro ma scopre che la vittima è un uomo: accusa di violenza sessuale ANNULLATA

Ha seguito una donna camminandole a pochi passi. L’ha aggredita e le ha strappato i vestiti. Ma prima di consumare la violenza ha realizzato che non si trattava di una donna ma di un uomo travestito da donna. Cosa che lo ha fatto desistere. Per questo motivo un tribunale svedese ha scagionato l’uomo dall’accusa di violenza sessuale. “Il reato previsto non ha mai avuto la possibilità di essere commesso”, ha spiegato Dan Sjöstedt, giudice della Corte distrettuale di Örebro al giornale locale Nerikes Allehanda.Quando il 61enne aveva tentato di commettere lo stupro non aveva idea che la vittima designata fosse in realtà un uomo. Dopo aver seguito la donna per qualche tempo, l’aspirante stupratore è stato “brutalmente violento” nel “tentato stupro”, strappando di dosso i pantaloni alla vittima. L’incidente è avvenuto davanti alla casa dell’ex fidanzato della vittima che ha prontamente chiamato la polizia. L’aggressore è stato quindi subito arrestato. Eppure il giudice ha stabilito che l’uomo aveva intenzione di violentare una donna. Ma dato che questa “donna” era in realtà un uomo, le sue intenzioni non potevano trasformarsi in un’azione concreta. Ora l’accusa dovrebbe fare ricorso in Appello. Il 61enne è stato condannato per la sola aggressione. La pena è di quattro anni di carcere e 15.000 corone (circa 2500 euro) di risarcimento danni alla donna”.

  RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright NON CI POSSO CREDERE

“Obbligatorio preservativo nei porno!” DIREI FINALMENTEEEEEEEEEEE

A Los Angeles sarà necessario un referendum per decidere se gli attori porno dovranno indossare il preservativo durante le riprese dei film. La raccolta firme per il referendum ha messo insieme 371.000 firme, molte più delle 232.000 necessarie per arrivare al voto. A novembre gli elettori della contea, dove ha sede l’industria pornografica, saranno dunque chiamati ad esprimersi sulla spinosa questione.Gli attivisti per la lotta all’aids sostengono che gli attori porno sono a costante rischio di contagio del virus hiv e di altre malattie. “Le loro vite non sono usa e getta”, ha commentato il presidente della fondazione anti Aids che ha promosso il referendum, Micheal Weinstein. “L’industria sta dando il messaggio sbagliato riguardo il sesso sicuro”.Fra gli oppositori ci sono invece numerosi produttori dell’industria del sesso losangelina, secondo cui dovrebbero essere gli attori e le attrici a decidere se usare o meno il preservativo. I produttori sostengono inoltre che quando negli anni novanta fu introdotto il preservativo obbligatorio si ebbe come unico risultato un forte calo delle vendite.La legge, se approvata, obbligherà i produttori di film porno a pagare una tassa e a richiedere un permesso speciale per girare i film al dipartimento della Sanità. Il permesso potrà essere revocato in caso di violazioni.

  RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright NON POSSO CREDERCI

MA CHE RAZZA DI NONNA SEI!Mangia i biscotti alla MARIJUANA della nonna: bimbo di 3ANNI in ospedale

Un bambino di 3 anni nel sud della California si è svegliato in ospedale dopo aver ingerito accidentalmente uno dei biscotti alla marijuana preparati dalla nonna.Il dipartimento di polizia di Murietta ha dichiarato che la nonna sta combattendo da tempo il cancro e che è in possesso di una prescrizione medica – in California e' cosa legale – che le consente di utilizzare la marijuana per scopi terapeutici: per riuscire a dormire e per lenire il dolore.La donna ha cucinato i biscotti durante la settimana e li ha riposti ben lontani dal comune cibo in cucina: li ha messi nel refrigeratore collocato in garage, al di fuori della casa.La polizia di Murietta è stata chiamata dall’anziana intorno alle 10.30 di sabato mattina quando si è accorta che il bambino stava dormendo da ben sedici ore. La nonna ha tentato invano di svegliare il piccolo e così, spaventata, ha chiamato la polizia e i soccorsi.Il piccolo è stato ricoverato in ospedale e tenuto sotto osservazione, ma si è svegliato dopo poco. Stava bene e tutti i controlli sono risultati perfetti. Si è semplicemente fatto una profonda dormita a causa del thc contenuto nei biscotti.La donna ha affermato che un piccolo morso di quei biscotti le basta per dormire diverse ore, ma il problema era la quantità ingerita dal piccolo: nessuno era in grado di dire quanti biscotti avesse mangiato il bambino.A parte l’incidente dei biscotti, le ricerche della polizia hanno evidenziato che il bambino era ben curato e amato. “Non è stato furbo mettere i biscotti in un posto raggiungibile dal bambino”, ha dichiarato il capo della polizia. La nonna, che non è stata denunciata, ha giurato che un incidente del genere non accadrà mai più e che sicuramente non farà più biscotti ‘speciali’.

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright NON CI POSSO CREDERE

INCREDIBILEEEEEEEEEEEEEEEEE SPARANO ad un cuoco perche’ CI METTE TROPPO a preparare il cibo

La polizia ha mostrato pubblicamente alcune immagini riprese dalla telecamera di sorveglianza che mostrano due sospettati  che sparano e uccidono il cuoco di un ristorante, padre di 5 figli. Il tutto è avvenuto nel ristorante Sherman Oaks dove l’uomo lavorava.Una delle impiegata nel ristorante, tale Claudia Prechiutta, ha dichiarato che il cuoco Raul Lopez stava lavorando in cucina quando è avvenuta la sparatoria.Lopez, di 38 anni, è stato colpito da un proiettile al petto poco dopo le 11 di sera a causa di una discussione avuta con un gruppo di 5 ragazzi che stavano dando fastidio e causando disturbo al ristorante. Uno di loro si è innervosito e arrabbiato per la lentezza del cuoco nel preparare il cibo e sono volati insulti razzisti. Da lì a poco e' spuntanta la pistola e una banale lite si e' trasformata in tragedia.

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright NON CI POSSO CREDERE

AHAHAHA Che senso ha? AHAHAHAHHA

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright non ci posso credere

O.o a Prandelliiiiii MA COSA STAVI FACENDO?!?!?!? ecco perche' ci hai SCONCENTRATI!!!! ahahahaha

ASSURDOOOOO BOCCIATO alla maturità, si SUICIDA. Invece era stato PROMOSSO!!!

Uno studente delle Scuola professionale commerciale di Losanna, in Svizzera, si è ucciso dopo aver saputo che non avrebbe superato l'esame di Maturità. Ma un errore si era verificato nella compilazione degli elenchi dei promossi, così il giovane non vedendo il suo nome sul sito internet del Canton Vaud, non ha retto alla delusione e si è ucciso. Invece l'esito della Maturità era stato positivo e il suo nominativo compariva nell'elenco affisso alcuni giorni dopo nella bacheca della scuola. «Siamo sotto choc – ha dichiarato la direttrice dell'istituto al quotidiano 24 Heures- si è trattato di un errore umano dovuto ad un tecnico informatico».

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright NON CI POSSO CREDERE

VERGOGNATIIIIIIIII Babysitter da cocaina e eroina a BIMBO DI NOVE MESI!!!!


Un bambino di 9 mesi è stato ucciso dopo che gli sono stati somministrati grandi quantitativii di eroina e cocaina. Oscar Sanchez-Rivera, 24 e Viameri Santana-Berrios, 27, i due baby sitter del bambino, sono stati accusati di omicidio dopo che i dottori hanno rinvenuto diversi buchi di aghi sulle mani e sui piedi del piccolo. Milton Rojas, ha assunto un quantitativo di farmaci tanto alto da essere paragonato a un mulo di droga che è lo slang per chi contrabbanda droga nel proprio corpo. I dettagli scioccanti della morte del bambino sono stati rivelati nel corso di un'udienza preliminare a Philadelphia dove il giudice ha ordianato che i due vengano processati per omicidio.

AHAHAHAHA Piu’ verde in città: per SBAGLIO piantano marijuana AHAHAHAHA

Un lussureggiante campo di marijuana è stato scoperto in Russia, a Mosca  vicino ad una stazione della metropolitana e, ironia della sorte,  sembra che la cannabis sia stata piantata accidentalmente dalle autorità della città, stando a quanto raccontato dagli ufficiali per il controllo della droga. Gli agenti si sono così dovuti “dare al giardinaggio” e rimuovere circa 230 piante di cannabis che crescevano nell’area intorno alla stazione della metropolitana Brateyevo, a sud di Mosca.Ma come può essere successa una cosa del genere? Con l’obiettivo di rendere più bella la zona, erano stati stanziati dei fondi, utilizzati per comprare della terra e creare degli spazi verdi. Gli ufficiali avevano lavorato nell’area, aggiungendo la terra acquistata con l’obiettivo poi di piantumarla. Il progetto sembrava svolgersi nel migliore dei modi, ma il mese scorso dal terreno sono cominciate a crescere piante di cannabis. Le autorità della città stanno ad oggi sostituendo il terreno che sembra essere ricco di semi di cannabis; motivo per cui le piante hanno incominciato a crescere ‘misteriosamente’ in quella zona.È stata così aperta un’inchiesta che sta coinvolgendo il fornitore del terreno per riuscire a capire come sia potuto succedere.

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright NON CI POSSO CREDERE

Chissa' cosa stanno facendo di cosi INTERESSANTE ?!?!?

IL PARTICOLARE DI QUESTA FOTO E' CHE
SEMBRA CHE LA SUA AMICA GLI STIA
FACENDO NOTARE UN IMPERFEZIONE
SULLA PANCIA MA I PASSANTI CHI SA
COSA STANNO PENSANDO AHAHHA!

Lettori fissi.

Google+ Badge