Cerca nel blog

...

domenica 22 luglio 2012

L'ESTATE VA IN VACANZA VIOLENTI TEMPORALI al Nord, in discesa verso sud: arriva il BREAK stagionale,


Nuova ondata di maltempo prima al Centronord e poi anche al Sud. Temporali forti con grandine e temperature in diminuzione anche di 10/12 gradi.Entro lunedì correnti di aria fresca dal Nord Europa spazzeranno via il caldo da tutta l’Italia e porteranno anche al Centrosud numerosi temporali, anche di forte intensità e quindi con rischio di grandine, specie su medio-basso Adriatico, Appennini e poi al Sud. Domenica temporali fin dal mattino su Marche, Abruzzo, Molise e Foggiano. Schiarite al Nordovest e all’estremo Sud. Nel pomeriggio bel tempo al Nordovest, Toscana e zone ioniche; più nuvole altrove con  rovesci e temporali localmente anche forti nel resto del Centro e zone interne del Sud; qualche temporale anche sulle Prealpi tra est Lombardia e Veneto. In serata e di notte ulteriore peggioramento al Centrosud, con forti temporali soprattutto su Marche, Abruzzo, Molise, zone appenniniche e Campania.Temperature in netto calo al Centro, qualche grado in meno anche al Sud.Ventoso, con forte Bora in Adriatico, Maestrale sulle Isole.Dopo un weekend caratterizzato da forti temporali al Centronord, con rischio di grandine e trombe d'aria, la settimana prossima inizierà con temperature al di sotto delle medie stagionali di 2-5 gradi in quasi tutto il Paese. Fresche correnti di provenienza settentrionale, in arrivo dalla porta della valle del Rodano, riusciranno a raggiungere l'Italia a partire dalla giornata di sabato, abbassando i valori termici. Fino a metà della prossima settimana l'Europa vivrà infatti una situazione meteorologica atipica. Le regioni dell'Europa centrale avranno tempo stabile  e temperature di 5 gradi sopra le medie stagionali, l'area mediterranea sarà invece interessata da un ciclone extra-tropicale che porterà un forte calo termico. Da giovedì le temperature torneranno nelle medie estive, senza caldo intenso. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright METEO  immagine presa da meteo giornale

Magnitudo(Ml) 2 - UMBRIA - PERUGIA 21/07/2012 23:12:40 (italiana)

Magnitudo(Ml) 2 Profondità 10 km Distretto sismico Metauro
---------Comuni che l'hanno AVVERTITO---------
 PIETRALUNGA (PG)

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ingv

21/07/2012--ORE 22.16 EMILIA ROMAGNA SCOSSA M.2,8 POCO A SUD-OVEST DI FERRARA:

TRA POGGIO RENATICO E VIGARANO
PROF. IPOCENTRO 7KM Distretto sismico Pianura_padana_emiliana
-------comuni che l'hanno avvertito-------
 GALLIERA (BO)
MALALBERGO (BO)
MIRABELLO (FE)
POGGIO RENATICO (FE)
SANT'AGOSTINO (FE)
VIGARANO MAINARDA (FE)


  RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ingv

Domani effetto-Circe, nubifragi a Centro-Sud Temperature in calo anche di 10 gradi almeno fino a mercoledi'

A partire da domenica sera e sino a mercoledì 23 un'intensa ondata di maltempo interesserà il Centro Sud. Lo confermano le previsioni del meteorologo di 3bmeteo.com Francesco Nucera che aggiunge come i fenomeni potrebbero risultare anche "piuttosto intensi". Apice del maltempo tra lunedì 23 e martedì 24. Le regioni più a rischio per i nubifragi: Marche, Abruzzo, Molise, Puglia, Lucania, Calabria e dorsale. "Sopratutto sulle Adriatiche -continua Nucera- c'è il rischio che le precipitazioni possano risultare persistenti. Temporali anche su Nord Sicilia e Sardegna settentrionale, meglio altrove".A causare questa parentesi di maltempo, spiega Nucera, è "un nucleo freddo in quota dai Paesi Scandinavi: si formerà un vortice di bassa pressione sul Ma Tirreno molto caldo". Vortice battezzato 'Circe' nelle analisi del direttore del portale web www.iLMeteo.it Antonio Sanò, che dà allerta massima per le Marche. "In serata e nella notte - precisa Sanò - giungerà Circe, entreranno venti freschi di Bora da Trieste verso le regioni Adriatiche e soffierà il maestrale in Sardegna, le temperature crolleranno di 8 gradi su Triveneto, Emilia Romagna e poi Marche nella notte. La domenica si aprirà con venti forti da nordest, maltempo sulle regioni adriatiche con temporali poi sugli Appennini, zone interne del Lazio fino a Roma la sera, dove la colonnina di mercurio passerà da 30 gradi a 20 gradi in poche ore".
 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

PACCO BOMBA a Ostia, non poteva esplodere

Un ordigno a qualche metro da famiglie e giovani sotto l'ombrellone. E l'ombra della criminalità arriva in spiaggia, probabilmente con un' intimidazione nei confronti dei proprietari di uno stabilimento balneare. Sono stati minuti di panico e sconcerto quelli vissuti dai bagnanti del litorale romano di Ostia, dove oggi un pacco bomba, per fortuna senza un reale innesco, è stato trovato all'interno di un lido. Ad allertare il 113 è stata una chiamata anonima su cui la polizia sta indagando per cercare di capire da dove è stata effettuata. Quasi in contemporanea, un bagnino addetto alla manutenzione, dopo aver notato dietro le cabine dello stabilimento una busta di cartone sospetta, ha avvertito un poliziotto del Commissariato di Ostia libero dal servizio, presente nello stabilimento. L'agente, accertando la presenza di materiale potenzialmente pericoloso, ha messo in sicurezza la zona, allontanando immediatamente i bagnanti che nel frattempo si erano avvicinati. Quando gli artificieri della Questura sono arrivati al lido 'El Capanno', tra la paura dei bagnanti che abbandonavano la spiaggia o si rifugiavano in mare, hanno trovato nella busta di carta un ordigno formato da un cilindro nero contenente chiodi e bulloni e collegato a dei fili con un cellulare, assieme a un piccolo quantitativo di polvere, probabilmente pirica.Ma la sospetta 'bomba' non poteva esplodere, perché nessuno avrebbe potuto innescarla: il telefonino era privo di scheda e di batteria. Un gesto dimostrativo, un'intimidazione. E' questa l'ipotesi più probabile. Chi ha piazzato l'ordigno voleva mandare un messaggio chiaro, molto probabilmente nei confronti dei proprietari dello stabilimento. E forse non era la prima volta. Già nel 2005 il lido El Capanno fu colpito da un incendio che distrusse il ristorante, ricorda il presidente nazionale dei Verdi, Angelo Bonelli, lanciando l'allarme criminalità sul litorale romano. All'epoca si parlò di fiamme provocate da un corto circuito, ma é possibile che i due episodi, anche se a distanza di anni, siano connessi. Forse una storia di usura o estorsioni, un fenomeno che di certo non rappresenta una novità per alcuni dei gestori dei stabilimenti balneari del litorale romano, che lo scorso anno è stato anche teatro di una serie di fatti di sangue con omicidi e ferimenti. L'episodio pare comunque non essere collegato a un altro fatto inquietante avvenuto la scorsa notte sempre nella Capitale. Due petardi, poi esplosi, sono stati lanciati contro una caserma dei carabinieri, in occasione dell'anniversario della morte Carlo Giuliani, il giovane ucciso durante il G8 del 2001. I petardi hanno raggiunto il cortile esterno della caserma Roma-Medaglie d'Oro e di fronte alla caserma è stata fatta la scritta: "Carlo vive, sbirri infami". I carabinieri stanno vagliando le telecamere per tentare di identificare i responsabili. Un episodio che ha scatenato la condanna del gesto e la solidarietà all'Arma, in particolare da parte dei presidenti del Regione Lazio e della Provincia di Roma, dal sindaco della Capitale e dal Prefetto

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Ex sindaco Fiumara si finge medico e RAGGIRA anziana facendosi consegnare 10 MILA EURO!!!


In passato e' stato sindaco di Fiumara, un comune del reggino, Antonino Sergi, l'uomo arrestato dalla polizia per essersi finto medico ed avere raggirato un'anziana donna, facendosi consegnare insieme ad un complice, non ancora identificato, oltre 10 mila euro.I due, dopo avere avvicinato la donna, le avevano illustrato le attivita' di una sedicente onlus impegnata in opere di beneficienza convincendola a prelevare la somma, relativa ai propri risparmi, dall'abitazione per consegnarla a Sergi, detto ''il dottore'', che avrebbe provveduto alla redazione degli ''atti'' di donazione. Proprio con la scusa di andare ad acquistare una marca da bollo, dopo avere ottenuto i soldi, i due complici avevano accompagnato la donna in macchina davanti ad una tabaccheria dove dopo averla fatta scendere si erano dileguati.All'identita' di Sergi, noto per essere stato al centro anche in passato di truffe particolarmente articolate, i poliziotti sono giunti dopo avere fatto visionare alla donna alcune foto e dopo un riconoscimento avvenuto attraverso un vetro-specchio. Sergi, che era agli arresti domiciliari per una vicenda analoga avvenuta lo scorso febbraio, deve rispondere anche di evasione. Indagini sono in corso da parte della polizia per risalire all'identita' del suo complice.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

ATTENZIONEEEEEEE Mozzarelle blu, nuovo caso in Piemonte

Un nuovo caso di mozzarella che si colora di blu è stato denunciato da un consumatore a Grugliasco (Torino), che l'aveva acquistata in un discount del capoluogo piemontese. Il latticino, di produzione tedesca, è stato sequestrato su disposizione del pm Raffaele Guariniello e inviato all'Istituto zooprofilattico del capoluogo piemontese per analisi. La Procura di Torino ha aperta un'inchiesta sui casi di mozzarelle colorate a partire dal 2010. Sono in corso ricerche di altri prodotti dello stesso lotto. Il nuovo fascicolo aperto dal pm Guariniello è contro ignoti per l'ipotesi di reato di violazione della legge sugli alimenti. E' la stessa ipotesi di reato per cui vi sono una dozzina di indagati (dirigenti e responsabili di aziende produttrici di latticini italiane e tedesche) per gli episodi a partire dal 2010. Non è esclusa un'unificazione dei procedimenti. Secondo le consulenze disposte dal pm, il fenomeno delle mozzarelle colorate (più spesso di blu, ma in alcuni casi anche di rosa) è originato dalla presenza del batterio pseudomonas fluorescens che, secondo la ricostruzione degli investigatori, é dovuto all'uso di acque di pozzo nel trattamento del formaggio durante le fasi della lavorazione.

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

MOLESTA bimbo,aiutante don Ivan in cella

Salvatore Catozzi resta in carcere.Il Gip del tribunale di Modena, Domenico Truppa, ha convalidato l'arresto dell'aiutante di don Ivan, il parroco di Rovereto morto nel terremoto della scorsa primavera di cui diceva di essere fratello adottivo, e ne ha disposto la custodia cautelare in cella.L'uomo, 55 anni, e' accusato di atti sessuali su minori. E' stato sorpreso sotto le docce di una tendopoli con un marocchino undicenne. Non ha risposto alle domande del gip.

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Lettori fissi.

Google+ Badge