Cerca nel blog

...

martedì 24 luglio 2012

✿●♥ Che il profumo di questa rosa possa giungere a voi augurandovi un sereno Martedi ♥●✿

✿ ˙·٠•●♥ Ƹ̵̡Ӝ̵̨̄Ʒ♥●✿Ƹ̵̡Ӝ̵̨̄Ʒ ♥●•٠·˙✿ ˙·٠•●♥ Ƹ̵̡Ӝ̵̨̄Ʒ♥●✿

Previsioni per Martedì 24 Luglio, INSTABILITA' diffusa sul Bel Paese.

NORD
Giornata caratterizzata da tempo abbastanza instabile con cieli parzialmente nuvolosi o nuvolosi. Possibili rovesci e temporali sul Verbano-Cusio-Ossola, Romagna, Prealpi e Lombardia orientale. Con il passare delle ore cessazione dei fenomeni sulla Romagna. Ampie schiarite sulla Liguria. Ancora temporali presso le aree alpine. Venti da nord-est e clima fresco.

CENTRO
Cielo parzialmente nuvoloso su tutte le regioni. Addensamenti più consistenti lungo le regioni del versante Adriatico e l’est dell’Umbria con rovesci e temporali abbastanza insistenti. Netto miglioramento a sera. Sulla Toscana e il Lazio ampie schiarite già dal mattino, ma piovaschi non esclusi, specie nelle zone interne. Temperature molto gradevoli.

SUD
Cielo nuvoloso o molto nuvoloso su tutti i settori con possibilità di rovesci o temporali sparsi, soprattutto negli entroterra e durante le ore pomeridiane. Con il passare delle ore cessazione delle precipitazioni e ampie schiarite. Venti meno impetuosi. Temperature molto gradevoli.

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright METEOPORTALEITALIA

Pesanti inondazioni in Nigeria, sono almeno 16 le vittime. Straripa il fiume Rikkos, ci sono GRAVI danni

Sono almeno 16 le persone morte nello Stato di Plateau, nella Nigeria settentrionale, a seguito di un'intensa fase di maltempo che ha scaricato al suolo un quantitativo assai incredibile di pioggia. Il tutto ha favorito lo straripamento del fiume Rikkos che, secondo quanto riferito dalle agenzia di stampa locali, ha invaso con tutto il suo carico d'acqua buona parte del territorio, causando allagamenti. Il portavoce dell'Organizzazione Religiosa Omar Faruk Alhji ha riferito che "fin'ora, a partire dalla giornata di ieri, abbiamo recuperato 16 corpi". Non è tuttavia escluso che il numero possa ulteriormente salire nel corso delle prossime ore. Circa 200 abitazioni sono state distrutte dalla forza immane delle acque, soprattutto nelle aree di Gangare e Ungwan-Rogo. L'inondazione ha determinato l'evacuazione della popolazione da queste aree, con le persone che sono state momentaneamente trasferite in alcune scuole vicine. Nel Paese la stagione delle piogge va da Marzo a Ottobre e questo evento ha lasciato un pò tutti a bocca aperta. Seguiremo questa vicenda costantemente, per scoprire se vi sono ulteriori novità. ATTENZIONE  E' salito a 35 il bilancio delle vittime a causa delle alluvioni in Nigeria

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright METEOPORTALEITALIA

Magnitudo(Ml) 2.6 - EMILIA-ROMAGNA - FERRARA 24/07/2012 01:26:04 (italiana)

Magnitudo(Ml) 2.6 Profondità 3.9 km Distretto sismico Pianura_padana_emiliana
------citta' CHE HANNO AVVERTITO IL SISMA-------
 BONDENO (FE)
MIRABELLO (FE)
SANT'AGOSTINO (FE)
VIGARANO MAINARDA (FE)

  
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright INGV

Benzina: confermato stop 4/5 agosto, ma niente sciopero il 3

I benzinai sciopereranno il 4 e il 5 agosto, ma non il 3. Questo l'esito dell'incontro di Faib, Fegica e Figisc/Anisa con la Commissione di Garanzia per gli scioperi, che ha confermato la legittimità della chiusura per il 4 e il 5. I sindacati hanno invece aderito alla richiesta dell'Authority di escludere dallo stop la giornata del 3 agosto.La chiusura di tutti gli impianti, spiegano in una nota Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc/Anisa Confcommercio, sia su rete ordinaria che autostradale (per quest'ultima nelle modalità che verranno prossimamente comunicate), prenderà avvio alle ore 24 di venerdì 3 agosto, proseguendo lungo tutto il primo weekend del mese. Nel corso dell'audizione, Faib, Fegica e Figisc/Anisa hanno potuto illustrare nel dettaglio le ragioni di "profondo e drammatico disagio che vive una intera categoria che assicura, a diverso titolo, 120.000 posti di lavoro, oltre ad un servizio essenziale e capillare alla collettività, messi a repentaglio da politiche commerciali e di prezzo dell'industria petrolifera che penalizzano lavoratori e consumatori". La Commissione, informano i sindacati, ha tenuto a ribadire "l'impegno ad attivare ogni iniziativa rientrante nelle proprie prerogative, anche nei confronti del Governo, volta a 'raffreddare' e portare ad una conclusione positiva della vertenza, invitando le Organizzazioni di categoria a differire la proclamazione dello sciopero a fronte di un impegno fattivo dell'Autorità a convocare le compagnie petrolifere così come prevede la legge 196/90". I sindacati dei gestori, apprezzando l'iniziativa della Commissione, si sono impegnate a valutare attentamente le osservazioni che la Commissione stessa dovesse fare nel proseguo della vertenza e gli effetti che da tale iniziativa dovessero scaturire. "Ora tutta la responsabilità - conclude la nota di Faib, Fegica e Figisc/Anisa - è sulle spalle del ministero dello Sviluppo economico che domani alle 18.00 incontrerà Unione Petrolifera, retisti indipendenti e gestori ed a cui spetta il compito di individuare ed assumere misure concrete che assicurino l'immediato ripristino di comportamenti industriali equilibrati, non più ingiustificatamente violenti e, soprattutto, rispettosi della legislazione vigente". DOPO WEEK END SCONTI, NUOVI RITOCCHI AL RIALZO  - Nuovi ritocchi al rialzo sui prezzi dei carburanti dopo il week end di sconti. Stamani IP ha aumentato di 1 centesimo il prezzo raccomandato della benzina e di 2 cent quello del diesel, mentre TotalErg è salita rispettivamente di 0,7 e 0,4 centesimi. Secondo le rilevazioni di Quotidiano energia i i prezzi medi serviti sono a 1,841 euro al litro per la benzina, 1,739 per il diesel e 0,749 per il Gpl. 

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

BIMBA DI UN ANNO E MEZZO CADE DALLA FINESTRA, GRAVISSIMA


Una bimba di un anno e mezzo è precipitata oggi dalla finestra del secondo piano di un palazzo del quartiere S.Agabio di Novara. Ha riportato un grave trauma cranico e un trauma toracico. Le sue condizioni sono disperate e i sanitari del 'Maggiore' di Novara hanno deciso di trasferirla al 'Regina Margherita' di Torino, ospedale di riferimento per la terapia intensiva pediatrica. Secondo quanto ricostruito dall'equipaggio della 'Volante' della Questura, intervenuta sul posto insieme al 118, si sarebbe trattato di un fatto accidentale. Nell'appartamento c'era anche la madre della piccola, che stava ultimando il montaggio di un mobile. La donna l'avrebbe persa di vista per qualche istante e la bimba, descritta con un carattere alquanto vivace, sarebbe quindi riuscita a raggiungere la finestra e, sporgendosi troppo, é precipitata. La madre si è accorta di quel che è accaduto dalle urla dei vicini.

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Milano: bimbo 4 anni CADE dal decimo piano e MUORE


Un attimo di distrazione fatale. Il nonno si addormenta dopo pranzo e il piccolo Omar B., 4 anni e mezzo, sale su uno sgabello in cucina, si sporge dalla finestra socchiusa e precipita dal decimo piano, morendo praticamente sul colpo. E' la tragedia di Sesto San Giovanni (Milano), dove attorno alle 13.20 di oggi il piccolo è caduto da circa 30 metri, da una delle cosiddette 'Torri Aler', in via Karl Marx 495, complesso di stabili popolari dell'hinterland. I carabinieri della stazione locale non hanno dubbi su quanto successo. La madre del bambino, Clara, di 44 anni, aveva portato Omar dal nonno prima di andare a lavoro. Un'abitudine ormai consolidata da quando si era separata dal marito algerino. Ha salutato il piccolo raccomandando al padre di farlo mangiare, dicendo che sarebbe tornata a prenderlo in serata. L'anziano, di 73 anni, ha pranzato con il nipotino come al solito e poi si è sdraiato accanto a lui per un riposino pomeridiano, ma stavolta purtroppo Omar non si è addormentato. E' sceso dal letto senza farsi sentire dal nonno, ha girato per casa qualche minuto prima di arrivare in cucina, dove è salito su una sedia, poi sul tavolo, e infine ha raggiunto la finestra aperta, che aveva la tapparella parzialmente abbassata per far passare l'aria. Pochi centimetri, però sufficienti al bambino per sporgersi e perdere l'equilibrio cadendo nel vuoto. Il nonno non si è accorto di nulla. E' stato svegliato dal suono del citofono, e quando i vicini gli hanno spiegato cosa era successo, non voleva crederci. Ha chiamato il bambino, lo ha cercato in ogni angolo della casa, e alla fine si è precipitato lungo le scale rischiando un infarto a sua volta. Arrivato in strada, di fronte al corpicino del nipote sull' asfalto, ha ceduto: ha avuto un collasso che ha costretto i sanitari del 118 a trasportarlo all'ospedale Niguarda. Lo stesso ospedale dove è stato portato subito Omar, che al momento dei soccorsi dava ancora leggeri segni di vita nonostante le condizioni disperate. Per un attimo il personale sanitario intervenuto ha sperato che potesse farcela, ma pochi minuti dopo il piccolo è andato in arresto cardiaco e i tentativi di rianimarlo sono stati tutti inutili. Omar è morto lungo il tragitto per il pronto soccorso. La madre, originaria della provincia di Rovigo, è stata avvertita al lavoro e, alla notizia, anche lei ha avuto un malore.

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Neonato MORTO a Roma: almeno 6-7 indagati per OMICIDIO colposo

Sei, forse sette indagati per omicidio colposo. Medici, sanitari, personale. Tutti quelli che sotto il profilo clinico hanno gestito il caso di Marcus, il neonato filippino di pochi giorni morto lo scorso 29 giugno nel reparto di Neonatologia dell'ospedale San Giovanni Addolorata di Roma per quello che sembra, al momento, un tragico errore umano. Nelle vene del bimbo è finito ciò che doveva nutrirlo, quel latte che invece della vita gli ha dato la morte.Ma non sono solo gli inquirenti della Procura di Roma, guidati dal pm Leonardo Frisani, a volerci veder chiaro. C'é anche il ministro della Salute Renato Balduzzi, che ha immediatamente inviato i suoi ispettori nell'ospedale romano. Nel mirino, oltre all'errore umano, c'è anche la vetustà dei macchinari. E uno degli interrogativi da sciogliere è sui tempi. Perché sono stati attesi tre giorni prima di rivolgersi al direttore generale Gian Luigi Bracciale? Il 27 giugno, spiega il dg, "al neonato prematuro era stata somministrata la nutrizione enterale per via endovenosa". Il 29 il bimbo era già morto. Ma alle orecchie di Bracciale la storia arriva solo lunedì 2 luglio, dopo il lungo 'ponte' dei Santi Pietro e Paolo. A riferirgliela é il direttore sanitario Gerardo Corea. Ma anche lui l'ha saputo lo stesso giorno, sebbene il 29 e il 30 fosse in servizio."C'é stato qualcosa che non mi è piaciuto e non ho capito bene dove c'é stato l'intoppo - il commento di Bracciale - Ci penserà il magistrato". Il giorno dopo, il 3, 'autodenuncia' l'ospedale (agiscono i Nas) e chiede una relazione interna, chiusa il 19, che gira alla Procura. Ma nel frattempo c'é la rabbia della madre, Jacqueline De Vega, colf presso un avvocato dei Parioli: "Voglio andare fino in fondo, voglio la verità", avrebbe detto ai genitori degli altri pazienti, allontanando i sospetti che la sua mancata denuncia nascondesse una maternità non voluta. Il 3 luglio, dopo le esequie, il corpo viene inviato al cimitero per la cremazione. Ma il pm Michele Nardi blocca tutto e dispone l'autopsia.Cosa è successo davvero in un reparto che, secondo il direttore sanitario Corea, non faceva che ricevere encomi per la sua professionalità? "Una vicenda gravissima e tristissima" secondo la presidente della Regione Lazio Renata Polverini, a cui la commissione parlamentare sugli Errori sanitari ha chiesto una relazione. La governatrice ha chiesto che sia fatto "tutto ciò che è necessario per rimuovere tutti i coinvolti". Ma ancora non risultano provvedimenti: il dg non ha infatti avuto "l'impressione che qualcuno volesse minimizzare o nascondere. C'é stata la constatazione di fatti che non mi hanno convinto, e che mi hanno indotto a sporgere denuncia". Ma come si fa a confondere il latte con la soluzione endovenosa? A quanto pare è invece un rischio ben noto ai medici. La soluzione per il nutrimento parenterale (che va in vena) infatti, afferma la Società italiana di Neonatologia, è indistinguibile dal latte (che va all'intestino). E le due cannule arrivano entrambe all'addome del bambino. Invertire tragicamente le due linee è tutt'altro che impossibile, e solo 10 reparti in tutto il Paese hanno la tecnologia che consente di evitare ogni errore. Secondo Ignazio Marino (Pd), presidente della commissione d'inchiesta sul Ssn, il nodo è infatti, oltre al surmenage degli operatori, proprio "la grave arretratezza tecnologica" del reparto. E sui macchinari si stanno soffermando anche in serata i tecnici del ministro Balduzzi. Domani i risultati.

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Killer oggi in tribunale. Si valuta pena morte

Stralunato, con la barba lunga, i capelli tinti di rosso, la casacca color granata e uno sguardo assente, a tratti perso nel vuoto. Non è più il terribile 'Joker', il nemico di Batman, ma un ragazzo frastornato, con le sue smorfie di dolore, che a tratti dondola la testa, quasi in lacrime, o sul punto di addormentarsi. Probabilmente sedato, non pronuncia una parola. Rispondono i suoi legali. "I nostri cuori sono con le vittime, con le loro famiglie", fa sapere in serata la famiglia del killer, aggiungendo che sarà al fianco di James."Sono con lui, è loro figlio", ha precisato l'avvocato degli Holmes, Lisa Damiani. James Holmes, il killer di Aurora, ha ascoltato in silenzio i capi d'accusa pronunciati dal giudice alla sua prima udienza preliminare, durata come previsto pochi minuti. Per la prima volta, i parenti delle vittime - presenti in aula e in una sala adiacente - e tutto il mondo hanno potuto vedere in faccia il ragazzo che con la sua impresa criminale ha sconvolto le loro vite e tutta l'America. Holmes è arrivato alle nove e mezza di mattina nell'aula del tribunale di Centennial dalla sua cella di sicurezza nella Arapahoe County Jail, attraverso un tunnel sotterraneo. Da quando, senza opporre resistenza, s'é consegnato agli agenti nei pressi della sua auto, fuori dal cinema della morte, il killer vive in perenne isolamento.Gli altri detenuti, da giorni, urlano slogan contro di lui promettendogli vendetta. Holmes rischia ovviamente la pena di morte, ma le accuse a suo carico verranno formalizzate solo lunedì prossimo, il 30 luglio. E il procuratore ha già fatto sapere che passeranno mesi prima che la pubblica accusa deciderà se chiedere nei suoi confronti la pena capitale. Anche il suo processo sarà una di quelle saghe che gli americani seguiranno con passione in tv, nei prossimi mesi ma non prima del prossimo anno, udienza dopo udienza. Anche se la fine sembra annunciata. Ma oggi, malgrado l'appello di Barack Obama a porre l'attenzione più sulle vittime che sul killer, la notizia è il suo volto, le sue espressioni, il modo in cui reagisce alle conseguenze della sua follia. Il 'mostro' non è più una foto sorridente di qualche anno fa, trasmessa ossessivamente su tutte le tv. Oggi finalmente prende corpo, si muove, invade con la sua mimica piena di paura le case di tutto il mondo.Schiere di psicologi criminali stanno analizzando fotogramma dopo fotogramma questa sua primissima apparizione. Quel che è certo è che questo ex studente modello è sembrato tragicamente umano. Spaurito, in alcuni momenti mostra di essere lucido, perfettamente consapevole di andare incontro alla morte. In altri momenti, invece, sembra in stato confusionale, socchiude gli occhi, inghiotte spesso, quasi piange o sviene. Come a volersi estraniare da questa specie di incubo. Alcuni esperti ipotizzano che in carcere gli sia stato somministrato qualche farmaco. La stessa procuratrice ammette di non sapere se sia così o meno. Forse è solo sopraffatto dalla stanchezza, dopo aver passato tre giorni in una stanzetta, sotto l'occhio vigile degli agenti 24 ore su 24. Certamente ha perso la baldanza del 'Joker', del genio del male che tre giorni fa, dopo mesi di preparazione dettagliatissima nella sua casa trasformata in una Santa Barbara, irruppe in un cinema e con un'azione da guerra uccise 12 persone e ne ferì 58 durante la 'prima' di 'Batman', il suo supereroe preferito.Quando è stato catturato, James aveva in corpo 100 mg del popolare antidolorifico Vicodin. Lo ha detto lui stesso agli agenti. Un nuovo dettaglio che conferma la sua maniacale passione per l'uomo pipistrello. Il Vicodin, infatti, è la stessa sostanza trovata nel corpo di Heath Ledger, l'attore morto per overdose di farmaci nel 2008, famoso per aver interpretato il Joker nel precedente film della saga di Batman. Tra gli effetti collaterali di questo analgesico, stati di euforia, paranoia e in alcuni casi allucinazioni. Intanto l'Università del Colorado ha ricevuto due pacchi sospetti ma non è chiaro al momento se siano legati al killer della strage del cinema di Aurora. Lo riporta in serata la stampa di Denver. La strage non sembra aver fermato gli americani, anzi. Batman ha registrato un vero e proprio record al box office Usa diventando il terzo esordio della storia del cinema.

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Verona, Uomo trova un GRATTA E VINCI da 10mila euro in un CESTINO del bar

Un signore di Garda, Comune in provincia di Verona, ha trovato un Gratta e Vinci da 10mila euro nel cestino. E’ successo mercoledì a Gianni C., un pavimentista entrato alle 8 di mattina nel bar tabacchi Al Pontesel. L’uomo ha ordinato un caffè e, proprio mentre lo sorseggiava, ha scorto il biglietto vincente nel cestino di fianco al bancone. Come ha raccontato al quotidiano L’Arena il titolare del bar tabacchi, Bruno Alberghini, il cliente “ha notato che, tra i rifiuti, c'era un biglietto del Gratta e Vinci del Maximiliardario già usato e scartato. Si è piegato per guardarlo meglio e ha notato che riportava due numeri uguali, uno con l'importo di diecimila euro, per cui il biglietto vinceva tale somma”. Racconta sempre Alberghini: “A quel punto il cliente è venuto da me, mi ha consegnato il biglietto vincente, noi lo abbiamo vidimato e gli abbiamo dato lo scontrino per andare in banca a ritirare i soldi”. Il fortunato pavimentista ammette: “È stata davvero una fatalità. In ogni caso questi soldi mi fanno comodo come lo farebbero a tutti, a chi ne ha e a chi non ne ha”. Valeria Alberghini, titolare del bar insieme al padre, osserva: “Il numero progressivo è 1735204008, venduto sicuramente martedì sera, visto che ieri alle 8 avevamo aperto da mezz'ora e il cestino doveva ancora essere svuotato”. E aggiunge la ragazza: “L’anno scorso abbiamo avuto tre vincite da diecimila euro col Gratta e Vinci e una da ventimila euro nel 2010 ed erano stati pure assegnati settantamila euro col Totocalcio. Non era però mai capitato che qualcuno trovasse tanti soldi gettando lo sguardo nel cestino dei rifiuti. Mi rendo conto che non si parla di milioni, ma non capita comunque tutti i giorni”. Come conclude il proprietario del bar, “proprio per caso la fortuna ha baciato una persona che non gioca per abitudine”.

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright STRANO MA VERO

Cercano di entrare nel Giunness dei Record per il maggior numero di sms inviati, ma ricevono una SUPERr bolletta

Due americani, Nick Andes, 29 anni, e Doug Klinger, 30 anni, si erano messi in testa di battere il record di numero di sms spediti in un mese. I due si sono messi di impegno, e sono arrivati a ben 217.033 sms inviati l’un l’altro in un mese. Per carità, molti messaggi erano banali (una sola parola) e spesso c’erano ripetizioni.Ma i due, oltre a non avere evidentemente molto da fare nelle loro giornate, sono purtroppo piuttosto ingenui. Innanzi tutto, il Guiness World Records non ha ancora riconosciuto il record, dovendo innanzi tutto decidere se la loro “performance” sia equiparabile a quella del precedente record che avrebbero voluto battere, i 182.000 ed oltre messaggi inviati da una certa Deepak Sharma nel 2005, che però li ha inviati da sola ad amici e parenti (ringraziate il cielo che non avesse avuto il vostro numero di cellulare, dev’essere stata un’esperienza atroce per i suoi conoscenti…).Ma soprattutto, i due hanno scoperto che l’abbonamento “all-inclusive” che credevano di avere non era evidentemente tale, dato che l’operatore a fine mese ha recapitato loro una bolletta da oltre 26.000 dollari, in un plico talmente ingombrante che la sola spedizione della bolletta è costata oltre 27 dollari.I due hanno protestato, contestando che il loro abbonamento prevede l’invio di sms gratis almeno a certi numeri di telefono selezionati (tra cui, reciprocamente, i loro due), e l’operatore sta facendo delle verifiche, anche se sembra che nelle “righe piccole” potrebbe esserci un limite (irraggiungibile dalle persone sane di mente) al numero di sms inviabili gratuitamente.
  
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright STRANO MA VERO

GUARDATE COSA E' SUCCESSO A QUESTI LADRI ahahahahhah


Caspita che storia ! Mai sentita una cosa simile !!!!Questa volta la polizia austriaca non ha dovuto sguinzagliare i cani antidroga per sventare un furto, perché l'odore era ben riconoscibile anche dagli umani. Cinque uomini sono stati fermati al confine con l'Ungheria a bordo di tre camioncini per il sospetto furto di 9 tonnellate e mezzo di aglio, la cui puzza si sentiva anche con i portelloni posteriori chiusi. I presunti ladri sono stati accusati di aver ricevuto merce rubata probabilmente in Spagna. "Tutti e tre i veicoli puzzavano tantissimo di aglio", ha riferito un ufficiale di polizia all'agenzia di stampa Austria press agency, sottolineando che il carico dei veicoli era ben chiaro già prima di aprire le portiere. I furgoni erano pieni di teste d'aglio fino al tetto, per un valore stimato intorno ai 30mila euro. Gli uomini, tutti di nazionalità romena, non sono stati identificati per il rispetto della legge austriaca sulla privacy.Di notizie se ne leggono,ma questa supera ogni limite !

Lettori fissi.

Google+ Badge