Cerca nel blog

...

martedì 31 luglio 2012

Previsioni Meteo Martedi 31 Luglio 2012, instabilità sparsa sui rilievi


Al Nord avremo tempo stabile sulle basse pianure di Piemonte,Veneto e Lombardia. Probabili rovesci o temporali sparsi sulle zone alpine e prealpine di Lombardia,Trentino,Veneto e Friuli. Qualche fenomeno pomeridiano probabile anche sul Piemonte. Le temperature subiranno un leggero calo soprattutto sulle coste adriatiche e primo entroterra  grazie alla ventilazione dai quadranti orientali. Temperature sui 30 °C sulle basse pianure del Nord-Ovest.
Meteo Centro, instabilità sparsa sull'Appennino, bello sulle coste.
Il leggero calo dei geopotenziali si farà sentire anche al Centro : possibilità di rovesci pomeridiani a livello locale sul'Appennino tosco-emiliano, in Umbria e sulle zone interne laziali. Bello sul versante adriatico dove avremo anche un leggero calo termico. Molto caldo invece sulle zone interne di Umbria e Lazio con temperature anche vicine ai 35 °C.Caldo anche nel cagliaritano e versanti orientali della Sardegna. Venti moderati di maestrale sui settori settentrionali dell'Isola.
Meteo Sud, bel tempo quasi ovunque.
Al Sud il tempo si manterrà sostanzialmente sereno quasi ovunque. Solo sui rilievi tra Puglia e Campania potremo assistere al qualche addensamento, irrisorio dal punto di vista precipitativo. Temperature in leggero calo sulla Puglia e versanti tirrenici grazie ad una ventilazione sostenuta dai quadranti settentrionali. Ancora abbastanza caldo sui versanti ionici, foggiano e  zone interne della Sicilia.
  
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright in meteo

Stasera una tregua e temporali a nord, Ulisse continua

Pausa per Ulisse, l'anticiclone africano che ha portato afa e termometro sino a 40 gradi nel centrosud. Stasera, infatti, cominceranno temporali al Nord, e da domani scende la temperatura di qualche grado nell'Italia settentrionale e sull'adriatico, anche se il viaggio di 'Ulisse' continua e l'anticiclone africano promette caldo ad oltranza, fino a Ferragosto. Secondo l'osservatorio del ministero della salute sono scese da 11 a 6 le città a rischio per ondate di calore: 3 di queste (Frosinone, Perugia e Roma) hanno il livello 3 di allerta. Da stasera, spiega iLMETEO.it entrerà un po' di Bora e i venti da nord inizieranno a mitigare il clima sulle Regioni adriatiche fino alla Puglia tra fino a Mercoledì dove soffierà anche una forte tramontana; mentre sulle regioni tirreniche si potrà respirare meglio grazie alla riduzione dell'umidità seppur con 34°C costanti.
Ma la tregua avrà vita breve, in quanto l'anticiclone che portato la quarta fiammata africana dell'estate verrà solo scalfito, e promette caldo ad oltranza fino al prossimo weekend del 4-5 Agosto, quando per l'ennesima volta si rifarà sentire il drago africano, il vento caldo che fa impennare la colonnina di mercurio fino a 40°C sul campidano in Sardegna, in Sicilia nella Valle dei Templi di Agrigento, in Calabria, Basilicata (materano) e Puglia. Ancora più oltre nel mese di agosto l'Italia sarà divisa in due, qualche temporale al nord specie sulle Alpi Prealpi, Laghi Lombardi, Bellunese, Friuli, e gran caldo al centrosud e Isole Maggiori fino a Ferragosto. Anche le campagne sono infuocate, segnala la Coldiretti: in Italia la siccità sta bruciando oltre 500 milioni di euro di produzione agricola e portando perdite alle coltivazioni mondiali che hanno fatto volare i listini dei cereali e saltare diverse consegne con conseguenze "drammatiche per la disponibilità di cibo nei paesi più poveri".

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Magnitudo(Ml) 4.5 - Bosnia and Herzegovina - Evento su terraferma 30/07/2012 11:01:17 (italiana)

Magnitudo(Ml) 4.5 Profondità 10 km Distretto sismico Northwestern Balkan Peninsula

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright INGV

Magnitudo(Ml) 2.5 - EMILIA-ROMAGNA - MODENA 31/07/2012 02:47:42 (italiana)

Magnitudo(Ml) 2.5 Profondità 8.5 km Distretto sismico Pianura_padana_emiliana
----------AVVERTITO NELLE SEGUENTI COMUNI----------
 POGGIO RUSCO (MN)
SAN GIOVANNI DEL DOSSO (MN)
MEDOLLA (MO)
MIRANDOLA (MO)
SAN FELICE SUL PANARO (MO)


 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright INGV

Yemen: RAPITO da tribu',chiesto RISCATTO

Alessandro Spadotto, il carabiniere rapito in Yemen, e' in mano a una tribu'. Per la sua liberazione i rapitori chiedono il rilascio di un detenuto e la restituzione di alcune terre nella capitale Sanaa. Lo ha rivelato ieri il ministro dell'Interno yemenita, Abu Bakr al Qirbi. Continua intanto il lavoro di servizi e ministero degli esteri per liberare il militare.

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

11 mila scontrini a importo zero, bar rischia CHIUSURA!!!

Un barista di Osimo (Ancona) è stato smascherato dalla Guardia di finanza dopo aver battuto in poco tempo 11.126 scontrini a importo 'zero', per sottrarre gli incassi giornalieri dal conteggio del registratore di cassa.L'esercente ha evaso 170 mila euro e ora rischia la sospensione dell'attività, che di norma scatta alla quarta violazione rilevata nell'arco di cinque anni. I finanzieri lo hanno scoperto nell'ambito di un Piano coordinato di controllo del territorio, svolto sabato e domenica scorsi in provincia.

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

SPARA a direttrice, ARRESTATO aggressore

"Ho fatto un atto di giustizia". Così, con queste poche parole, Cristofaro Gaglione ha spiegato agli agenti del commissariato di Torre del Greco (Napoli), i motivi che l'hanno indotto questa mattina a puntare una pistola contro la direttrice dell'ufficio postale dove lavorava e a fare fuoco tre volte.E al quarto tentativo, quello che doveva "completare" il piano delittuoso, l'arma, una Beretta 7,65, si è inceppata, lasciando cadere a terra il proiettile destinato a uccidere Anna Iozzino, 55enne di Torre Annunziata. La 'colpa' della donna? Aver deciso, sabato scorso, di trasferire Gaglione, 53 anni, dall'ufficio finanziario al settore raccomandate. Un trasferimento che aveva prodotto sabato scorso un forte litigio tra Gaglione e Iozzino. Così questa mattina l'uomo è tornato nell'ufficio deciso a fare "giustizia". E' passato prima a salutare la madre, come faceva sempre prima di recarsi al lavoro. Quindi è andato nella sede centrale di Poste Italiane di via Vittorio Veneto, recandosi nella stanza dove si stava svolgendo il breafing di inizio attività. Ha estratto la pistola e ha chiesto ai colleghi di spostarsi. E' partito un primo colpo, che ha centrato Anna Iozzino al fianco. La donna, seppur ferita, ha tentato di dissuadere il suo aggressore alzandosi in piedi, ma è caduta a terra. E' intervenuta una collega di Gaglione: "Spostati o sparo anche a te", ha gridato il 53enne.Altri due colpi, che hanno ferito la direttrice alla mandibola e di striscio al petto. Poi il quarto colpo che ha fatto inceppare l'arma e la decisione di scappare. Sul posto in pochi minuti sono giunti i poliziotti, diretti dal primo dirigente Paolo Esposito: la prima segnalazione era di rapina, ma gli agenti ci hanno messo poco a ricostruire i fatti. Subito é scattata la caccia all'uomo, che non è tornato a casa e non é passato nemmeno dalla madre. E' stato fatto alzare un elicottero per meglio controllare la zona, visto che da indagini tecniche si era appurato che la sua auto non aveva imboccato l'autostrada.La Citroen X3 nera di Cristofaro Gaglione è stata individuata in via Prota, strada periferica tra Torre del Greco e Torre Annunziata. Poi è toccato a lui. Visibilmente scosso e portato nella camera di sicurezza del commissariato torrese, sarà ascoltato dal pm incaricato dalla Procura di Torre Annunziata. E' accusato di tentato omicidio premeditato aggravato, porto e detenzione abusiva di armi clandestine e ricettazione. Anna Iozzino, intanto, è stata sottoposta ad una lunga operazione all'ospedale Maresca dall'equipe della Chirurgica diretta da Roberto Palomba. Prima dell'intervento è stata colpita da un arresto cardiaco e ha perso molto sangue. Le sue condizioni sono molto gravi e la prognosi è riservata. E' stata trasferita all'ospedale Cardarelli di Napoli. Gaglione non è nuovo a episodi di intemperanza: lo scorso anno aveva aggredito i vigili urbani che gli stavano sequestrando la Vespa; era stato denunciato per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. In passato è stato anche guardia giurata. Nella sua auto, oltre alla Beretta con matricola abrasa che quasi sicuramente è stata usata per ferire la direttrice, sono stati trovati un'altra piccola pistola, diverse munizioni di vario calibro e un punteruolo.

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Usa: RAPI' neonata in ospedale NY e l'allevo', CONDANNATA

Una donna che aveva rapito una neonata in un ospedale di New York nel 1987 e l'aveva allevata come sua figlia fino al 2011 è stata condannata ieri a 12 anni. Anne Pettway, 50 anni, con problemi mentali, si era travestita da infermiera e aveva rapito Carlina White all'ospedale di Harlem. Carlina aveva avuto i primi sospetti quando la madre non le aveva dato il certificato di nascita e aveva finito per rivolgersi al Centro nazionale per bambini scomparsi, che ha ritrovato i veri genitori. Il giudice Kevin Castel, pronunciando la pena, ha commentato che i genitori della giovane hanno vissuto un "vero incubo". Poco prima, nel corso di un'udienza emozionante, l'imputata aveva detto ai veri genitori che era "profondamente desolata". I genitori biologici, una coppia di afroamericani oggi separati, hanno raccontato i momenti orribili che hanno vissuto da quando la loro bambina era sparita nel 1987, e i 23 anni di sofferenza che sono seguiti. "Sono spezzata in un milione di pezzi", ha detto la vera madre, Joy White, descrivendo i problemi d'identità di sua figlia, che è stata allevata da un'altra donna. Il padre, Carl Tyson, si è rivolto duramente all'accusata (anch'essa afroamericana) nel corso della sua testimonianza: "Per 23 anni, Ann, lei mi ha fatto soffrire. Lei ha messo una pietra nel mio cuore". Carlina White era sparita il 4 agosto del 1987 dall'ospedale di Harlem, dove era stata ricoverata d'urgenza per una forte febbre. Aveva solo 19 giorni e non era mai stata ritrovata. Ann Pettway, che in precedenza aveva avuto tre false gravidanze, si era travestita da infermiera e l'aveva rapita dal lettino del reparto. Carlina era stata allevata col nome di Nejdra 'Netty' Nance prima a Bridgeport, nel Connecticut, e poi ad Atlanta. La giovane ha raccontato che la falsa madre si drogava e la maltrattava. Carlina aveva avuto i primi sospetti a 16 anni, quando era rimasta incinta ed Ann non era stata in grado di fornirle un certificato di nascita per ottenere l'assistenza pubblica. Messa alle strette, Pettway le aveva raccontato di non essere sua madre e che la vera genitrice l'aveva affidata a lei quando era neonata. 'Netty' aveva cominciato a cercare la sua vera identità su internet, ma senza successo. Poi nel dicembre 2010 si è rivolta al Centro nazionale per i bambini scomparsi e sfruttati, che nel gennaio successivo è riuscito a risalire ai veri genitori. L'identificazione è stata poi confermata dal Dna.

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ansa

Lettori fissi.

Google+ Badge